Patto di Stabilità: occorreva una Maastricht due, non una semplice riforma

Giancarlo Marcotti

28 Aprile 2023 - 07:46

condividi

Una riforma gattopardesca quella del patto di Stabilità, i due parametri fondamentali, quelli sul deficit e sul debito, infatti, sono rimasti invariati, risultando ora anacronistici.

Patto di Stabilità: occorreva una Maastricht due, non una semplice riforma

Era molto attesa la proposta di revisione del Patto di Stabilità, una riforma assolutamente necessaria dopo tre anni nei quali questo accordo era stato sospeso a causa della cosiddetta emergenza pandemica.

Ricordiamo brevemente di cosa stiamo parlando, il Patto di Stabilità è praticamente un accordo fra i Paesi aderenti all’euro il cui obiettivo era di porre un limite ai debiti pubblici dei vari Stati affinché non superassero soglie considerate critiche.

Il Patto di Stabilità fu firmato nel 1997, ma in pratica i due parametri principali sui quali si fonda erano già presenti negli accordi di Maastricht, mi riferisco ovviamente al deficit, che non avrebbe dovuto superare il 3% del Pil, ed il debito, che non avrebbe dovuto superare il 60% del Pil. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO