L’attesa della Fed affonda i mercati

Violetta Silvestri

21/09/2022

21/09/2022 - 08:32

condividi

Nel giorno della riunione Fed sui tassi di interesse, i mercati sono nervosi e scivolano in Asia e a Wall Street. Rendimenti elevati delle obbligazioni e petrolio in calo completano il quadro.

L'attesa della Fed affonda i mercati

Nel giorno della riunione Fed, le azioni in Asia crollano e i rendimenti obbligazionari si impennano, mentre gli investitori si preparano a un altro aggressivo aumento dei tassi di interesse.

C’è nervosismo tra gli investitori. Gli indici di Giappone, Hong Kong e Australia viaggiano in rosso e in Cina solo lo Shanghai, mentre si scrive, tenta il recupero. L’S&P 500 è sceso di oltre il 10% al di sotto del massimo di agosto nelle contrattazioni della notte.

Un indicatore del dollaro è stato scambiato vicino a un massimo record, mentre il Bitcoin si aggirava intorno a $19.000. Lo yuan offshore è sceso al livello più basso rispetto al biglietto verde dalla metà del 2020, anche dopo che la People’s Bank of China ha fissato il tasso di riferimento giornaliero per la valuta più forte del previsto per il 20° giorno.

Il rendimento del Treasury statunitense a due anni ha raggiunto il massimo di quasi 15 anni al 3,992% martedì ed è rimasto elevato al 3,9516% nel trading di Tokyo, mentre il rendimento del decennale Usa ha toccato il suo massimo in oltre un decennio.

Se da una parte il rialzo di 75 punti base dei tassi è ormai dato per scontato nella riunione Fed di oggi, meno certe sono le parole che pronuncerà Powell in conferenza stampa, che sono quindi molto attese.

I mercati vanno in tilt tra recessione e banche centrali

La Fed è la protagonista di giornata in una delle settimane più calde per la politica monetaria in tutto il mondo. Giovedì 22 settembre, infatti, più di una dozzina di banche centrali annunciano le loro decisioni, tra cui la Banca del Giappone e la Banca d’Inghilterra.

La svedese Riksbank ha sorpreso i mercati con un rialzo di un punto percentuale completo e ha avvertito che ne arriveranno altri nei prossimi sei mesi.

Intanto, le scommesse sull’inasprimento della Fed sono rimaste stabili. I mercati stanno valutando una probabilità dell’81% di un altro aumento di 75 punti base e ne vedono una del 19% di un rialzo di un punto percentuale.

“I volumi rimangono leggeri e l’umore è cauto, con pochi che cercano di assumere posizioni importanti prima di sentire cosa dice la Fed e fin dove i responsabili politici vedono i tassi in aumento entro la fine del ciclo di rialzo, ha affermato Fiona Cincotta, analista senior dei mercati finanziari presso City Index. “Questo è ciò che guiderà i mercati, non l’aumento dei tassi di domani, ma ciò che la Fed prevede di fare dopo.”

Su Bloomberg, Nouriel Roubini, che ha predetto correttamente la crisi finanziaria del 2008, ha parlato di una recessione “lunga e brutta” che si verificherà alla fine del 2022 che potrebbe durare tutto il 2023, con una forte correzione dell’S&P 500. “Anche in una semplice recessione, l’S&P 500 possono diminuire del 30%”, ha affermato il presidente di Roubini Macro Associates. “In un vero e proprio atterraggio duro, che si aspetta, potrebbe scendere del 40%.”

Infine, il petrolio ha oscillato intorno a $84 al barile mentre si dirigeva verso la sua prima perdita trimestrale in più di due anni a causa delle preoccupazioni per la domanda di energia (Usa a rischio recessione, ma anche Cina stimata in forte debolezza). L’oro è rimasto stabile vicino al minimo di due anni.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.