Inflazione Spagna sotto il 2%: è la svolta per la Bce?

Violetta Silvestri

29 Giugno 2023 - 12:43

L’inflazione in Spagna cala sotto il 2%, il target delle Bce: siamo davvero a una svolta? Cosa significa il dato e cosa aspettarsi dalla Banca centrale europea.

Inflazione Spagna sotto il 2%: è la svolta per la Bce?

Sorpresa Spagna: l’inflazione è rallentata al di sotto del livello del 2% fissato dalla Banca centrale europea, una piccola vittoria per i funzionari di Francoforte che lottano per domare gli aumenti dei costi nella più ampia regione dell’euro.

I prezzi al consumo sono aumentati dell’1,6% a giugno rispetto all’anno precedente, in calo rispetto al 2,9% del mese precedente, poiché i rialzi delle bollette energetiche e alimentari hanno continuato a diminuire, secondo l’agenzia statistica del paese. Questo è il ritmo più debole dell’inflazione in più di due anni.

Il dato spagnolo è davvero una svolta per la Bce? La prudenza guiderà ancora Lagarde e i membri dell’Eurotower.

Inflazione spagnola sotto il 2% frenerà la Bce?

I funzionari della Bce non trarranno molta rassicurazione dai dati della quarta maggiore economia della regione, nonostante il notevole miglioramento: questa la visione degli analisti. I politici rimangono infatti perturbati dal ritmo di fondo della crescita dei prezzi nell’area dell’euro, che probabilmente avrà nuovamente accelerato in un rapporto atteso per venerdì.

“L’evoluzione dell’inflazione core, dell’inflazione sottostante, credo sia molto rilevante nelle circostanze attuali”, ha sottolineato a Bloomberg Television il vicepresidente della Bce Luis de Guindos. “Forse, sai, l’inflazione core sarà più vischiosa di quanto crediamo”.

In Spagna, la misura sottostante, basata su un indice e un paniere diversi rispetto all’indicatore della zona euro, è scesa al 5,9% a giugno dal 6,1%. Il dato è quindi in calo, ma elevato.

Guindos e i suoi colleghi possono trarre conforto da un drastico calo del modo in cui le famiglie anticipano l’andamento dei prezzi in tutta la regione. Le aspettative di inflazione dei consumatori sono scese ai minimi dal 2016 in un indicatore compilato dalla Commissione europea e pubblicato giovedì.

“Sarebbe prematuro dichiarare vittoria sull’inflazione. Man mano che gli effetti di base favorevoli svaniranno nei prossimi mesi, il tasso primario salirà di nuovo costantemente, fino a poco meno del 4% entro la fine dell’anno. Non è fino alla metà del 2024 che l’obiettivo del 2% della Bce sarà raggiunto in modo sostenibile”, secondo Ana Andrade, economista europeo intervenuto su Bloomberg.

La situazione generale è complessa. Un ex ministro delle finanze spagnolo ha affermato che un altro aumento dei tassi a luglio è un “fatto compiuto”, mentre c’è una questione aperta su cosa fare alla successiva riunione di settembre. Questo è al centro del dibattito tra i funzionari al momento.

I mercati monetari continuano a scommettere che il tasso sui depositi salirà fino al 4% entro la fine dell’anno, con la maggior parte degli aumenti previsti per le decisioni politiche di luglio e settembre.

Il ministro dell’Economia spagnolo Nadia Calvino ha dichiarato la scorsa settimana che la Spagna potrebbe non aver bisogno di ulteriori aumenti dei tassi, anche se ha riconosciuto che la Bce “sta guardando all’Europa nel suo insieme.”

Nonostante il rallentamento della crescita dei prezzi spagnoli, il primo ministro Pedro Sanchez, che è in svantaggio nei sondaggi in vista del voto generale anticipato del 23 luglio, martedì ha esteso un pacchetto anti-inflazione di 3,8 miliardi di euro (4,2 miliardi di dollari) in tagli fiscali e sussidi.

Da non perdere su Money.it

Argomenti

# Bce
# Spagna

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.