L’inflazione diminuisce, quindi una recessione è più vicina. Ecco perché

Lorenzo Bagnato

22/11/2022

22/11/2022 - 18:01

condividi

Le strategie di riduzione dell’inflazione da parte della Fed hanno funzionato. Ma l’economia sta rallentando a livelli preoccupanti.

L'inflazione diminuisce, quindi una recessione è più vicina. Ecco perché

Gli investitori non dovrebbero essere ingannati dai mercati rialzisti dell’ultima settimana. La diminuzione dell’inflazione negli Stati Uniti, ora al 7,7% rispetto al 9,1% di giugno, è l’inizio di un calo che potrebbe sfociare in recessione. Gli analisti di mercato ritengono probabile che il mercato mantenga la sua discesa fino al 2023.

Buoni segnali per gli investitori sono stati la riduzione dell’inflazione, dichiarata nelle ultime settimane dalla Fed, e il funzionamento delle restrizioni Covid in Cina. La prima notizia significava che la strategia della Fed in realtà funziona. Hanno aumentato i tassi di interesse per quasi tutto l’anno ormai, ma l’inflazione ha continuato a salire e gli analisti erano preoccupati che fosse la scelta sbagliata.

La seconda notizia significava per gli investitori che il mercato più grande del mondo era di nuovo aperto agli affari. Ma poi si è rivelato essere un falso allarme, poiché la Cina ha riportato la prima morte per Covid da maggio e probabilmente riprenderà di nuovo le restrizioni.

Per quanto riguarda la riduzione dell’inflazione, anche questa è una falsa speranza. L’aumento dei tassi di interesse rallenta il mercato, poiché l’investimento in quella valuta diventa più costoso. Questo dovrebbe teoricamente rimuovere il denaro dalla circolazione, quindi diminuire l’inflazione, ma rallenta anche l’economia.

L’economia si riprenderà con meno inflazione?

La risposta è, sfortunatamente, no. Non subito, almeno. La Fed ora si rende conto che l’aumento dei tassi di interesse è una buona idea in quanto in realtà riduce l’inflazione. Ciò significa che probabilmente continueranno a farlo fino a quando l’inflazione non raggiungerà il livello «ideale» di 2%.

Ma così facendo, probabilmente faranno precipitare l’economia in una recessione. In effetti, molti non si chiedono «quando» accadrà, ma «quanto profondo» sarà.

L’analisi più ottimistica afferma che i livelli di mercato saranno gli stessi alla fine del 2023 rispetto alla fine del 2022. Secondo Mike Wilson, Chief Investor di Morgan Stanley, il primo trimestre del 2023 vedrà il tuffo più grande. Poi seguirà una lenta ripresa che ci riporterà ai livelli odierni entro la fine dell’anno.

Il capo investitore statunitense suggerisce di iniziare a investire in obbligazioni del tesoro a lungo termine. Ha sottolineato che i rendimenti a medio e lungo termine sono i più alti visti in un decennio, il che conferma il cambiamento delle tendenze economiche.

Altri, come l’uomo più ricco del mondo Elon Musk, hanno già affermato che una recessione è inevitabilmente in arrivo e durerà «almeno fino al 2024».

Una cosa è certa, entrare nel mercato alla fine del gennaio 2023 potrebbe essere una strategia rivoluzionaria per i nuovi investitori. Ovviamente, se non entriamo in recessione subito dopo.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-11-21 18:32:45. Titolo originale: Inflation is Decreasing, therefore a Recession is Closer. Here’s why

Iscriviti a Money.it