Incentivi rottamazione auto: tutti i bonus e gli sconti del 2021

28 Aprile 2021 - 06:00

condividi

Tutti i bonus e gli sconti in vigore nel 2021 per chi rottama la propria auto. A chi conviene, a chi no, chi ne può beneficiare e chi è escluso: tutto quello che c’è da sapere.

Incentivi rottamazione auto: tutti i bonus e gli sconti del 2021

Incentivi rottamazione auto, un aiuto necessario per diverse ragioni: da un lato serve a garantire la ripartenza di un settore che ha pagato a caro prezzo la crisi congiunturale dell’ultimo anno e mezzo; dall’altro consente agli automobilisti di sostituire veicoli antiquati, dalle caratteristiche tecniche obsolete e non più a norma, così da potere circolare liberamente in città, che, nel frattempo, hanno adottato regole più stringenti per riuscire a contenere lo smog.

Proprio la tutela dell’ambiente è la terza delle motivazioni che hanno spinto all’individuazione di incentivi per la rottamazione di auto, bonus e sconti che permettono l’acquisto di modelli efficienti, ecologici e a minore impatto.
Già dal 2020 un aiuto per chi avesse avuto bisogno di cambiare la propria auto è arrivato dal Governo, che ha messo in campo una serie di incentivi sia per la rottamazione, sia per l’acquisto di una nuova vettura, con maggiore attenzione verso i veicoli elettrici o ibridi.

Con il 2021 sono arrivati nuovi fondi per incrementare gli incentivi dell’anno passato e che vanno ad integrare l’Ecobonus già attivo dal 2019. Il vantaggio maggiore si ha grazie agli incentivi rottamazione e l’acquisto di un veicolo nuovo a bassa emissione di CO2, con la possibilità di risparmiare fino a 10 mila euro.
Di seguito andiamo a vedere tutti i bonus e gli incentivi disponibili nel 2021 per chi volesse rottamare la propria auto e acquistarne una nuova.

Incentivi rottamazione auto: i bonus previsti

Come detto, con la nuova Legge di Bilancio il Governo ha previsto una serie di bonus per l’acquisto di un nuovo veicolo, insieme alla rottamazione di uno vecchio entro il 31 dicembre 2021.
L’importo del bonus varierà a seconda dell’emissione di CO2. Naturalmente più bassa sarà l’emissione e maggiore potrà essere il vantaggio per l’acquirente. Per l’acquisto di un’auto con emissioni di CO2 fra 0 e 20 g/km, dunque un’elettrica o ibrida ricaricabile, si arriva a 8.000 euro (+2.000 del rivenditore), previa la rottamazione di un veicolo della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011.

Per quanto riguarda i veicoli con emissioni di CO2 fra 21 a 60 g/km e rottamazione di uno della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011 è possibile ottenere un incentivo di 4.500 euro (+2.000 del rivenditore). Con il nuovo anno è stato aggiunta anche la categoria di veicoli con emissioni da 61 a 135 g/km. In questo caso gli incentivi saranno di 1.500 euro (+2.000 del rivenditore), sempre con rottamazione di uno della stessa categoria pre Euro 6 immatricolato prima dell’1 gennaio 2011. Nei primi due casi il veicolo che si andrà ad acquistare non dovrà superare il valore di 50.000 euro, mentre nell’ultimo caso di 40.000.

Bonus auto regionali senza rottamazione

Anche senza rottamazione è possibile ottenere gli incentivi, ma solamente per le categorie di veicoli con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km per i quali si arriva a 5.000 euro (+1.000 del rivenditore) e con emissioni di CO2 da 21 a 60 g/km per i quali si arriva a 2.500 euro (+ 1.000 del rivenditore).

Non solo il Governo ha previsto incentivi e bonus per l’acquisto di un nuovo veicolo contestualmente alla rottamazione, anche molte regioni si sono mosse integrando con ulteriori bonus. La Lombardia, ad esempio, prevede un bonus di 8.000 per l’acquisto di un’auto con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, con rottamazione e di 4.000 euro senza rottamazione. Il Piemonte invece prevede incentivi a crescere a seconda delle emissioni da un minimo di 2.500 a un massimo di 10.000 euro. Più bassi invece gli importi previsti dal Veneto con una forbice compresa tra i 1.500 e i 4.500 euro. Il Lazio prevede bonus da 1.000 e 3.500 euro.

Bonus auto previsti dalle case automobilistiche

Come già detto anche le case automobilistiche contribuiscono a formare il bonus finale. La Toyota, ad esempio, prevede per la Gamma Hybrid un bonus fino a 11.000, sommato a quello statale, naturalmente solo in caso di rottamazione. Con Fiat si arriva fino a fino a 10.000€ di bonus grazie agli incentivi statali e alla super rottamazione. Peugeot offre per la sua gamma di vetture ibride ed elettriche offerte mirate fino addirittura a 12.000 euro.

Iscriviti a Money.it