Cos’è la gestione patrimoniale e quando conviene

Claudia Mustillo

3 Dicembre 2022 - 13:01

condividi

La gestione patrimoniale è una forma di investimento per chi vuole ottenere una rivalutazione del capitale: ecco come funziona e quando conviene.

Cos'è la gestione patrimoniale e quando conviene

Cos’è la gestione patrimoniale e quando conviene? La gestione patrimoniale è una forma di investimento con cui si affida la gestione del proprio patrimonio a società specializzate a operare per conto dell’investitore, sempre nei limiti del mandato sottoscritto dalle parti.

È l’intermediario incaricato che decide, in base a quanto stabilito nel mandato di gestione, come investire il capitale del cliente investitore.

Le gestioni patrimoniali sono, quindi, dei contratti di investimento tra banca e cliente attraverso cui il risparmiatore affida con un mandato la gestione del patrimonio. Una volta conferito il mandato e il denaro il gestore non potrà utilizzare il capitale per altre finalità, ma dovrà attenersi alle linee guida conferite dal cliente.

L’obiettivo della gestione patrimoniale è chiaramente l’ottenimento di una rivalutazione nel tempo del capitale depositato.

Come funziona la gestione patrimoniale?

La gestione patrimoniale ha un funzionamento molto semplice. Con la sottoscrizione del contratto viene dato mandato di gestione del patrimonio alla società che da quel momento si occuperà del patrimonio del risparmiatore.

Questo, deve chiarire quali sono gli obiettivi e il profilo di rischio, poi, la società si occuperà di tutto il resto e in particolare andrà a costruire il portafoglio di investimento

L’obiettivo di chi sceglie la gestione patrimoniale è sicuramente ottenere una rivalutazione del capitale depositato nel tempo. Per fare questo ci sono differenti tipologie di intermediari finanziari:

  • banche;
  • società di intermediazione mobiliare;
  • assicurazioni;
  • società di gestione del risparmio.

Quali sono le tipologie di gestione patrimoniale

La gestione patrimoniale può essere suddivisa in due grandi categorie: le gestioni patrimoniali mobiliari (GPM) e le gestioni patrimoniali in fondi (GPF). Nelle prime il patrimonio è investito principalmente in azioni, obbligazioni, ETF e derivati, quindi principalmente in strumenti finanziari.

Nelle seconde, invece, il patrimonio è investito in quote di fondi comuni.

Quando conviene la gestione patrimoniale?

La gestione patrimoniale conviene solo per i clienti considerati “premium”, ossia per coloro che hanno una disponibilità finanziarie consistente (grandi patrimoni) e non hanno problemi a immobilizzare e investire nel medio-lungo termine cifre consistenti e importanti.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it