Forex, è il momento di invertire?

David Pascucci

20 Gennaio 2023 - 14:33

condividi

In questa settimana sono usciti molti dati importanti che di fatto hanno arrestato la corsa al ribasso del dollaro

Forex, è il momento di invertire?

Sono stati moltissimi i dati usciti questa settimana, dall’inflazione europea a quella giapponese insieme ai dati del mercato del lavoro e dell’immobiliare Usa, eppure abbiamo visto un mercato azionario iniziare una discesa dai massimi e un mercato valutario che ha arrestato la sua corsa sui massimi per le valute contro dollaro.

In sostanza, il mercato si è preso una meritata pausa dopo le forti accelerazioni delle ultime 3 settimane di negoziazione. In questo senso, vediamo quindi un mercato azionario, specie quello americano, scivolare dai massimi, mentre i cambi come EurUsd e GbpUsd riescono a rimanerci, anche se tutti i tentativi di rialzo sono stati negati tutte le volte che i mercati hanno raggiunto i massimi.

In questo contesto, il cambio UsdJpy ha visto delle oscillazioni molto forti nel breve periodo, ma che di fatto hanno lasciato i prezzi sui livelli visti nella chiusura della scorsa settimana. In sostanza: una settimana molto volatile, ma allo stesso tempo priva di direzionalità.

Inflazione in Ue, Uk e Giappone ininfluente

I dati sull’inflazione proveniente dall’Ue e dal Giappone non hanno influito più di tanto sulla direzionalità del mercato dei cambi, che rimane sostanzialmente ingabbiato sui massimi per EurUsd e GbpUsd e sui minimi su UsdJpy.

EurUsd ha comunque aggiornato i massimi durante la settimana, arrivando a sfiorare area 1,0890, mentre lato sterlina abbiamo visto un mercato che è andato di nuovo a testare i massimi visti nel mese di dicembre in area 1,2430.

Questi livelli risultano essere molto importanti nel lungo periodo, pertanto il mercato ha riacquistato dollari proprio a ridosso dei massimi. L’uscita dei dati sull’inflazione in UK e in Ue hanno solamente confermato la dinamica rialzista di base dei cambi, senza però dare ulteriori spunti direzionali, stessa cosa che vale anche per il cambio UsdJpy, che si conferma essere debole nel lungo periodo.

Al momento però ci sono delle dinamiche interessanti provenienti dal cambio UsdJpy che ha formato dei minimi molto interessanti nell’area compresa tra 128 e 127, livelli utili per vedere un’inversione di tendenza, che scaricherebbe un po’ di direzionalità forte al ribasso vista fino a ora. In questo contesto, anche EurUsd e GbpUsd potrebbe vedere un’inversione dai livelli massimi visti nelle scorse ore, come ad esempio 1,0850 di EurUsd o 1,2390 per GbpUsd.

Oltre al possibile stop del rialzo visto finora, è probabile vedere la formazione di una dinamica ribassista, in linea con un apprezzamento di dollaro di tipo tecnico, soprattutto nel lungo periodo dove vediamo dei ribassi del biglietto verde esagerati su base mensile. In questo contesto, in cui il cambio UsdJpy è quello più sensibile in termini di ribassi, abbiamo visto come l’uscita del dato sull’inflazione e quello relativo alla politica monetaria non abbiano di fatto esasperato la direzionalità del cambio.

Attendiamoci quindi dei possibili ritracciamenti su EurUsd, GbpUsd e un probabile rimbalzo di UsdJpy

Cosa attendersi dal Forex

Molto probabilmente potremmo essere vicini a un’inversione di tendenza sul Forex, soprattutto per via della direzionalità esasperata di un dollaro veramente debole dopo i forti scossoni visti nel 2022.

Normale rivedere GbpUsd ritornare sopra 1,20 ed EurUsd sopra 1,05, ma di base la situazione tecnica necessita di un aggiustamento delle quotazioni nel breve, proprio per evitare ulteriori esasperazioni di questi trend che avrebbero degli effetti a lungo termine anche sui mercati azionari i quali, almeno a livello tecnico, dovrebbero scendere da qui alle prossime giornate al fine di chiudere delle dinamiche mensili, in linea con una view che vede il recupero lieve delle quotazioni nel primo trimestre di quest’anno. Pertanto, vedere delle forti accelerazioni al rialzo sarebbe assurdo e potrebbe esasperare ulteriormente delle ipotetiche future discese dei mercati azionari, con conseguenze molto pesanti per il comparto a reddito fisso che dovrebbe poi “sforzarsi” parecchio per rendersi appetibile, con gli aumenti dei rendimenti sui rialzi di tassi in scenario recessivo.

In sostanza, sul Forex potremmo iniziare a vedere qualche inversione di tendenza con EurUsd verso area 1,06, GbpUsd verso 1,21 e UsdJpy verso i 135.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO