Flat tax: cos’è, come funziona, vantaggi, svantaggi e implicazioni. Guida completa

Redazione Fisco

9 Giugno 2023 - 17:40

Flat tax, il sistema di tassazione basato su una sola aliquota, è un tema di cui si parla sempre più spesso. Affrontiamo il tema della tassazione piatta e la sua applicazione in Italia.

Flat tax: cos’è, come funziona, vantaggi, svantaggi e implicazioni. Guida completa

La flat tax è un tipo di tassazione che applica un’unica aliquota fiscale a tutti i livelli di reddito.
Questo sistema fiscale è utilizzato in diversi paesi del mondo (inclusa l’Italia per le partite IVA) ed è stato proposto come sostituzione dell’imposta sul reddito federale negli Stati Uniti e anche per un’ipotetica riforma complessiva dell’IRPEF in Italia, due sistemi fiscali che si basano ad oggi su aliquote progressive in cui la percentuale di tassa aumenta con l’aumentare del reddito.

Alcune proposte di flat tax prevedono di tassare tutti i redditi ad un’aliquota vicina al 17%, aggiungendo eventualmente il requisito della progressività attraverso in sistema di detrazioni.

La flat tax rispetto ad altri sistemi fiscali

Nella maggior parte dei paesi, il sistema fiscale utilizzato è quello progressivo, in cui le aliquote fiscali aumentano al crescere del reddito. Tuttavia, alcuni paesi, come la Russia, hanno adottato un sistema di flat tax, mentre altri, come gli Stati Uniti, ne stanno discutendo l’implementazione.

In confronto ad un sistema fiscale progressivo, la flat tax presenta alcune caratteristiche peculiari:

Semplicità e trasparenza
Uno dei principali vantaggi della flat tax è la sua semplicità e trasparenza. Dal momento che si applica un’unica aliquota fiscale a tutti i livelli di reddito, diventa più facile per i contribuenti stimare la loro responsabilità fiscale e per i responsabili delle previsioni fiscali e i responsabili politici stimare come un taglio o un aumento delle aliquote influirebbe sulle entrate.

Neutralità
La flat tax evita di influenzare le decisioni marginali degli individui e delle aziende, ovvero ciò che faranno con il loro prossimo dollaro di reddito. A differenza delle aliquote progressive, che riducono il rendimento del lavoro e degli investimenti applicando aliquote più elevate sui maggiori livelli di reddito marginale, le tasse piatte trattano tutti i redditi in modo neutro e sono meno probabili che scoraggino ulteriori lavori, investimenti e altre attività che contribuiscono alla crescita economica.

Stabilità
Poiché tutti i contribuenti sono soggetti alla stessa aliquota fiscale in un sistema di flat tax, le tasse a singola aliquota sono generalmente più difficili da aumentare rispetto alle tasse a aliquote progressive. Ciò offre prevedibilità ai contribuenti e aiuta a proteggere contro aumenti di tasse non necessari.

Vantaggi della flat tax

Oltre alla semplicità, alla neutralità e alla stabilità, i sostenitori della flat tax citano diversi altri vantaggi rispetto a un sistema di aliquote fiscali variabili.

Riduzione dei costi di conformità
Una flat tax eliminerebbe praticamente tutti i costi di conformità (ad esempio, i compensi di CAF e commercialisti) e ridurrebbe notevolmente la burocrazia. Per lo stesso motivo è facile intuire come questa riforma possa risultare sgradita a molti operatori oggi centrali nella gestione della fiscalità nazionale.

Promozione della crescita economica
I sostenitori della flat tax sostengono che l’eliminazione delle aliquote fiscali più elevate motiverebbe le persone a lavorare di più, guadagnare di più, risparmiare di più e investire di più, generando una crescita economica che beneficia tutti.
Alcune proposte di flat tax hanno incluso l’eliminazione di tutte le tasse su dividendi, interessi e altre entrate non derivanti dal lavoro come ulteriore stimolo economico, anche se tali caratteristiche non sono parte essenziale di un sistema di flat tax.

Miglioramento dell’etica della governance
Sotto un sistema fiscale progressivo, con le sue migliaia di esenzioni, detrazioni e crediti, c’è un incentivo per i gruppi di interesse particolare a cercare un trattamento favorevole. Una flat tax, si sostiene, renderebbe impossibile manipolare il codice fiscale a beneficio di qualsiasi gruppo particolare, riducendo così l’influenza dei lobbisti sui legislatori e altri funzionari governativi.

Critiche alla flat tax

Nonostante i vantaggi evidenziati dai sostenitori della flat tax, esistono alcune critiche e preoccupazioni riguardo all’implementazione di questo sistema fiscale.

Impatto sulla distribuzione delle entrate fiscali
Uno dei principali problemi sollevati riguarda l’impatto della flat tax sulla distribuzione delle entrate fiscali tra i contribuenti. Poiché tutti i redditi sono tassati allo stesso tasso, i contribuenti con redditi più elevati finirebbero per pagare una quota inferiore delle entrate fiscali rispetto ai contribuenti con redditi più bassi.
Ciò potrebbe portare a una maggiore disuguaglianza economica e a una riduzione delle entrate fiscali disponibili per finanziare servizi pubblici e programmi di welfare.

Dubbi sulla crescita economica
Sebbene i sostenitori della flat tax sostengano che il sistema fiscale stimolerebbe la crescita economica, alcuni critici mettono in dubbio questa affermazione. Essi sostengono che è improbabile che una flat tax produca una crescita economica significativa, dato che l’aumento del risparmio potrebbe essere insufficiente per compensare la riduzione delle entrate fiscali.

In generale, la flat tax è un sistema fiscale che presenta vantaggi e svantaggi. Sebbene sia più semplice e trasparente rispetto a un sistema di aliquote progressive, ci sono preoccupazioni riguardo all’equità e all’impatto sulla crescita economica. La decisione di implementare una flat tax dovrebbe essere presa considerando attentamente i benefici e le potenziali conseguenze per l’economia e la popolazione.

La flat tax in Italia

Il nostro paese la flat tax è già presente per professionisti e autonomi in regime forfettario.

La Lega Nord, partito oggi facente parte della coalizione di governo, ha caldeggiato in passato l’introduzione della flat tax a tutti i contribuenti, eliminando totalmente gli scaglioni IRPEF e tutto il sistema di deduzioni/detrazioni presente oggi in Italia: un vero e proprio ginepraio come sa ogni contribuente che curi una dichiarazione fiscale.

Attualmente è allo studio una riforma fiscale da parte del Governo Meloni i cui dettagli sono descritti qui.

Ricordiamo che l’attuale IRPEF prevede 4 aliquote legate a scaglioni di reddito:

1° scaglione fino a 15mila euro 23%
2° scaglione da 15.000 a 28mila euro 25%
3° scaglione da 28.000 a 50mila euro 35%
4° scaglione oltre i 50mila euro 43%

Su questi scaglioni vanno poi applicate detrazioni fisse in base al reddito e a voci di spesa come ecobonus, bonus 110%, spese mediche e molto altro.

Argomenti

# Italia
# IRPEF

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo