EUR/USD in lieve rialzo, ma l’incertezza domina anche sulle valute

Violetta Silvestri

27 Giugno 2022 - 15:22

condividi

L’EUR/USD prova a rafforzarsi, complice un biglietto verde più debole. Sullo sfondo del Forex, ci sono nuovi sentori su inflazione, lievemente raffreddata, e rialzo tassi, meno aggressivi.

EUR/USD in lieve rialzo, ma l'incertezza domina anche sulle valute

L’EUR/USD si aggrappa a modesti guadagni giornalieri e viene scambiato in un intervallo relativamente stretto al di sotto di 1,0600.

I dati provenienti dagli Stati Uniti hanno mostrato che gli ordini di beni durevoli sono aumentati inaspettatamente a maggio. In vista dei dati sulle vendite di case in sospeso, l’indice del dollaro USA rimane piatto sopra 104,00.

Il biglietto verde ha lottato contro i suoi principali rivali, poiché l’attenuazione delle aspettative di inflazione ha spinto a rivalutare le prospettive di rialzi aggressivi dei tassi di interesse, anche se la volatilità dei mercati ha attutito un calo più ampio.

L’euro vale 1,0582 dollari, con un rialzo dello 0,26% alle ore 15.08 circa.

Euro dollaro sotto la lente: quali fattori osservare

La coppia EUR/USD ha recuperato lo slancio rialzista all’inizio di lunedì ed è salita verso 1,0600, anche se mentre si scrive viaggia su livelli più bassi.

Il miglioramento dell’umore del mercato sembra comunque aiutare la valuta condivisa a trovare domanda all’inizio della settimana e le prospettive tecniche a breve termine indicano un’inclinazione rialzista, stando all’analisi di FXstreet.

I flussi di rischio dominano i mercati finanziari, mentre gli investitori rivalutano le prospettive di inasprimento delle principali banche centrali in mezzo a crescenti segnali di rallentamento economico. Non a caso, “l’indice del dollaro viene scambiato verso l’estremità inferiore del suo recente range di trading, suggerendo una certa vulnerabilità a un’ulteriore debolezza”, ha affermato Shaun Osborne, analista di Scotiabank.

L’analista ha inoltre aggiunto che “il più ampio rally del dollaro farà fatica a estendersi in modo significativo, ma le perdite rischiano di rimanere limitate a meno che o fino a quando non emerga un catalizzatore ribassista più significativo”.

Cosa osservare? Mentre i timori per il rallentamento della crescita hanno pesato sul sentiment, le aspettative di inflazione più basse, principalmente attraverso il calo dei prezzi delle materie prime, hanno anche allentato la pressione per tassi con forti incrementi.

Ad esempio, il rame è sulla buona strada per il suo più grande calo mensile dal selloff alimentato dalla pandemia nel marzo 2020. I prezzi del petrolio dovrebbero registrare un ribasso mensile per la prima volta quest’anno.

Il raffreddamento dei prezzi delle materie prime ha pesato sulle aspettative su quando i tassi di interesse statunitensi raggiungeranno il picco il prossimo anno. Il prezzo terminale più elevato dei tassi di interesse di riferimento è stato un supporto chiave per il dollaro, ma questa fonte di forza pare stia svanendo.

Il prezzo dei futures mostra che i trader ora prevedono che il tasso sui fondi di riferimento della Federal Reserve statunitense si stabilizzerà intorno al 3,5% da marzo del prossimo anno, in ritirata rispetto alle stime.

Per quanto riguarda l’euro, bisogna ancora sottolineare che i membri dell’Unione Europea stanno discutendo nuove sanzioni, anche insieme al G7, con focus su petrolio e oro. Nel caso in cui le tensioni geopolitiche dovessero intensificarsi con la Russia che cerca di rispondere a tale azione, gli investitori potrebbero iniziare a cercare rifugio e rendere difficile per la valuta comunitaria preservare la sua forza.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.