Euforia a Wall Street: azioni in rally, quali sono le buone notizie?

Violetta Silvestri

01/07/2023

C’è ottimismo in Borsa sul futuro economico: Wall Street va in rally e anche in Europa le Borse sono euforiche in questo inizio 2023. Quali sono le buone notizie e cosa aspettarsi?

Euforia a Wall Street: azioni in rally, quali sono le buone notizie?

Rally a Wall Street in chiusura del terzo trimestre: azioni euforiche sulla scia di notizie più rincuoranti sull’andamento economico e finanziario della potenza americana.

Le turbolenze sono davvero solo un ricordo per gli investitori, o nuovi fattori di instabilità possono ancora sconvolgere le Borse Usa e mondiali con l’inizio del terzo trimestre 2023? L’interrogativo resta valido, ma la giornata di venerdì 30 giugno ha archiviato mesi positivi, beneficiando di alcuni segnali ottimistici su inflazione e resilienza economica.

Wall Street ha chiuso in netto rialzo e il dollaro si è indebolito nell’ultimo giorno di giugno, mentre gli investitori hanno chiuso i conti su un trimestre solido, con dati che mostrano progressi negli sforzi della Federal Reserve per domare l’inflazione.

Tutti e tre i principali indici azionari statunitensi sono aumentati, registrando guadagni settimanali, mensili e trimestrali. Quanto sono durature le buone notizie, cosa è successo in questi mesi e cosa aspettarsi nei mercati.

Rally a Wall Street: Nasdaq trionfa

Il Nasdaq Composite ha registrato la sua migliore prima metà dell’anno dal 1983, dopo che gli investitori si sono riversati sulle società dell’indice ad alto contenuto tecnologico che dovrebbero beneficiare della crescita dell’intelligenza artificiale.

L’indice ha guadagnato il 32% nei primi sei mesi del 2023 quando i mercati hanno chiuso venerdì, l’ultimo giorno di giugno. Per ogni semestre, primo o secondo, il Nasdaq ha registrato la sua performance migliore dal picco della bolla delle dotcom nella seconda metà del 1999.

I mercati azionari statunitensi hanno superato una serie di sfide da gennaio, tra cui turbolenze tra le banche regionali, rischio sul tetto del debito pubblico e tassi di interesse più elevati attuati dalla Federal Reserve e da altri responsabili delle politiche monetarie.

I maggiori contributori al rally del mercato sono stati una manciata di grandi aziende tecnologiche: Apple, Amazon, Microsoft, Nvidia, Alphabet, Meta e Tesla. Venerdì Apple ha raggiunto un nuovo record, valutando l’azienda a oltre $ 3 trilioni, mentre il produttore di chip Nvidia ha quasi triplicato il prezzo dall’inizio dell’anno.

“Abbiamo avuto una certa moderazione sull’inflazione, che è chiaramente di supporto per le azioni, e messaggi più chiari da parte delle banche centrali. Questa maggiore certezza ha aiutato enormemente. . . ma negli Stati Uniti in particolare è stato davvero quel ’Magnificent Seven’ che ha trainato la maggior parte dei guadagni”, ha affermato Sinead Colton Grant, responsabile delle soluzioni per gli investitori di BNY Mellon Asset Management, riferendosi ai sette grandi gruppi tecnologici.

Il Nasdaq è aumentato del doppio rispetto all’aumento del 16% del più ampio indice S&P 500 dall’inizio dell’anno, evidenziando gli effetti dei grandi gruppi tecnologici. Se tutti i titoli dell’S&P 500 fossero ponderati allo stesso modo, l’indice aumenterebbe di un 5% molto più modesto per il 2023.

“È una bella ciliegina sulla torta alla fine di un ottimo trimestre e un inizio ancora migliore per il 2023”, ha dichiarato Ryan Detrick, chief market strategist presso Carson Group a Omaha. “Questo è stato uno dei migliori inizi d’anno in assoluto per il Nasdaq e i nomi della tecnologia a grande capitalizzazione, ma non dimentichiamo che sono stati il ​​gruppo più colpito nel feroce mercato ribassista del 2022”.

Non mancano, comunque, voci più prudenti. L’assenza di ampiezza del rally ha lasciato alcuni analisti e investitori scettici sul fatto che i guadagni continueranno, in particolare date le preoccupazioni che i continui sforzi della Fed per ridurre l’inflazione spingeranno l’economia in recessione.

Le buone notizie che spingono Wall Street

Tra prudenza e ottimismo, non c’è dubbio che si sono palesati dati ed eventi positivi in questi ultimi mesi del 2023.

Intanto, nell’entusiasmante rialzo di questa settimana a Wall Street alcuni analisti, come nota Bloomberg, hanno notato la migliore settimana per le small cap da marzo. In generale, settori che in precedenza erano rimasti indietro, dai trasporti all’immobiliare e all’energia, questa volta sono aumentati.

L’idea che i guadagni si sarebbero ampliati dopo essere stati confinati in un’oligarchia di megacaps di intelligenza artificiale ha ricevuto una spinta questa settimana da una serie di rapporti economici che hanno suggerito ancora una volta che una recessione è ancora lontana.

Le azioni di tutti i comparti ne hanno beneficiato, con nove membri su dieci dell’S&P 500 in rialzo.

“Tutti parlano dei Big Seven o di tecnologia a grande capitalizzazione e intelligenza artificiale e tutta quella roba, ma non sono gli unici che stanno davvero vedendo la forza in questo momento”, ha detto Jeff Muhlenkamp, ​​il cui Muhlenkamp Fund ha tagliato partecipazioni in contanti al 15% dal 35% di febbraio, raccogliendo azioni in costruttori di case, una società finanziaria e una società di media.

Un rally di $6 trilioni non era quello che Wall Street aveva previsto nel 2023. A gennaio, gli strateghi seguiti da Bloomberg hanno stimato l’S&P 500 a 4.050 punti a fine anno. Mentre c’è ancora tempo perché le loro previsioni si dimostrino corrette, vale la pena notare che l’indice ora si trova a 400 punti sopra tale obiettivo.

Intanto, sul piano macro, il rapporto sulla spesa per i consumi personali (PCE) del Dipartimento del Commercio ha mostrato un’inflazione più fredda del previsto a maggio, mentre la spesa dei consumatori è bruscamente rallentata, fornendo un’ulteriore prova che la raffica di aumenti dei tassi della Fed sta avendo l’effetto desiderato.

“Pensiamo che la Fed aumenterà i tassi a luglio perché ci hanno detto che è quello che vogliono fare, ma ci ricordano anche che sono dipendenti dai dati”, ha evidenziato Sam Stovall, chief investment strategist di CFRA Research. “Se i dati continuano a mostrare un indebolimento, allora penso che la Fed deciderà di terminare il suo programma di rialzo dei tassi dopo questo incontro imminente”.

Ottimismo anche in Europa? Cosa succede nell Borse in Ue

Anche gli indici blue-chip europei hanno registrato guadagni nella prima metà dell’anno, poiché gli investitori hanno scommesso che l’inflazione rallenterà e la storica campagna di inasprimento della Banca centrale europea raggiungerà il picco.

Lo Stoxx 600 paneuropeo ha chiuso il semestre in rialzo di quasi il 9%, compreso un guadagno dell’1,2% venerdì.

Il Cac 40 francese e il Dax tedesco hanno guadagnato rispettivamente il 14% e il 16% durante il primo semestre, sebbene il FTSE 100 del Regno Unito sia rimasto indietro con un guadagno dell’1%. Il FTSE è stato appesantito dall’inflazione ostinatamente elevata del Regno Unito e dall’esposizione sproporzionata dell’indice al calo dei prezzi del petrolio.

Piazza Affari ha invece registrato la migliore chiusura dal 2008 venerdì, con un aumento del Ftse Mib del 19% da inizio 2023.

I dati incoraggianti sull’inflazione rilasciati venerdì hanno aiutato i titoli azionari della zona euro a chiudere il trimestre in rialzo. Il tasso di aumento dei prezzi in tutto il blocco valutario è diminuito più del previsto al 5,5% a giugno, alimentando l’ottimismo che la Bce potrebbe interrompere il suo programma di aumenti dei tassi di interesse prima del previsto.

Tuttavia, l’inflazione core, che esclude i prezzi volatili dell’energia e dei generi alimentari, è aumentata, cosa che Colton Grant di BNY Mellon ha definito preoccupante.

“Siamo costruttivi sui titoli statunitensi, ci piace la moderazione dell’inflazione. . . e sono sempre più fiduciosi che la probabilità di una recessione stia diminuendo. . . [ma] siamo molto più cauti sull’Europa, in particolare [la zona euro]. Questa visione è guidata dall’inflazione vischiosa e dal fatto che la Bce dovrà aumentare di più”, ha allertato.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo