Eni, Descalzi confermato. Petrolio penalizzerà la trimestrale

Luca Fiore

20/04/2020

16/04/2021 - 16:43

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Mentre Claudio Descalzi è stato confermato alla guida di Eni, cresce l’attesa per i numeri trimestrali del Cane a sei zampe (che saranno pesantemente influenzati dall’andamento del prezzo del petrolio).

Eni, Descalzi confermato. Petrolio penalizzerà la trimestrale

12 “buy”, 9 “hold” e 5 “sell”. Questo il quadro che emerge dai giudizi degli analisti sulle azioni Eni, in calo poco dopo l’avvio delle contrattazioni a Wall Street del 3,18% a 8,314 euro.

Ovviamente il recente andamento delle azioni Eni, che negli ultimi tre mesi sono scese del 38,3%, è stato pesantemente condizionato dal -58% registrato dalle quotazioni del petrolio Brent.

Al momento per acquistare un barile bastano 26,06 dollari, -7% rispetto a venerdì.

Eni: Descalzi confermato Ad

Nonostante con qualche malumore, che i maligni definiscono solo di facciata, da parte del Movimento 5 Stelle, Cladio Descalzi è stato confermato alla carica di Amministratore delegato di Eni per altri tre anni.

La presidenza della società invece passa da Emma Marcegaglia a Lucia Calvosa, avvocato e professore universitario di diritto commerciale a Pisa. Il nuovo presidente è stato inoltre membro nei board di Tim e Mps e da novembre 2014 è nel Cda di Seif.

Azioni Eni: arrivata la promozione di Morgan Stanley

Oggi gli analisti di Morgan Stanley hanno annunciato di aver incrementato la valutazione sulle azioni Eni da “underweight” a “equalweight” con prezzo obiettivo fissato al di sotto degli attuali corsi a 7,7 euro.

Per i conti del primo trimestre del comparto Oil&Gas, Morgan Stanley stima un calo degli utili di circa 60 punti percentuali e consiglia grande attenzione su quelle che saranno le stime sui prossimi mesi.

Eni: Jefferies taglia giudizio a “hold”

In vista dell’approvazione dei conti del primo trimestre, sulle azioni Eni oggi si sono espressi anche gli analisti di Jefferies, riducendo la valutazione da “buy” ad “hold” e prezzo obiettivo stabile a 8,05 euro.

Nonostante un giudizio complessivamente positivo sulla società, valutata relativamente protetta dalla volatilità del prezzo del petrolio, alle azioni Eni, valuta Jefferies, al momento manca un catalizzatore per sovraperformare.

Eni: stime sul primo trimestre

Intanto cresce l’attesa per la prima trimestrale del 2020 di Eni, in pubblicazione venerdì 24 aprile. Equita Sim stima una produzione in riduzione a 1,897 milioni di barili al giorno e un Ebit adjusted di 1,222 miliardi, -48% nel confronto con il pari periodo 2019.

L’utile netto in versione “adjusted” è visto in calo del 70% a 294 milioni mentre la posizione finanziaria netta è stimata a 16,3 miliardi, dai 17,1 miliardi a fine 2019.

Per quanto riguarda utile operativo e utile netto, sempre in versione depurata, Banca Akros stima 1,256 miliardi, -46,4%, e 509 milioni, -48,6%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.