Dove investire? Meglio in Asia che negli Usa, ecco perché

Violetta Silvestri

29/06/2023

Investire in Asia è il nuovo suggerimento degli esperti: perché preferire la regione asiatica agli Usa? I motivi sono in alcuni fattori positivi e promettenti in Paesi asiatici.

Dove investire? Meglio in Asia che negli Usa, ecco perché

Quale parte del mondo osservare per investire con successo in questo momento finanziario così turbolento?

Alcuni analisti hanno risposto accendendo i riflettori sulla regione asiatica, come spiegato in un articolo di Cnbc. Mentre il mondo è alle prese con rinnovati timori di una recessione globale, gli esperti affermano che l’Asia si distingue come l’area da tenere d’occhio, visto che potrebbe sovraperformare il più ampio mercato mondiale.

A prima vista, quest’anno le azioni asiatiche nel loro complesso hanno registrato guadagni più modesti rispetto alle loro controparti statunitensi ed europee. L’indice MSCI International All Country Asia Pacific è cresciuto solo del 4,71% da inizio anno, rispetto a S&P 500 e Euro Stoxx 600 paneuropeo aumentati rispettivamente del 13,25% e del 6,65%.

Tuttavia, oltre i numeri, l’Asia risulta economicamente più diversificata rispetto all’Europa e agli Stati Uniti e ci sono fattori positivi nella regione, specialmente in Giappone e Corea del Sud.

Perché è meglio investire negli asset asiatici che in quelli statunitensi: un’analisi.

Perché l’Asia è la regione preferita dagli investitori

All’inizio di questo mese, Nomura ha affermato che l’Asia dovrebbe sovraperformare nel medio termine poiché “la prospettiva di una crescita globale contenuta e l’avvicinarsi della fine degli aumenti dei tassi di riferimento probabilmente stimoleranno gli investitori a cercare nuove opportunità, ponendo al contempo un premio su una sana economia fondamentali”.

Inoltre, le economie asiatiche in generale hanno evitato un allentamento qualitativo su larga scala, lasciando la regione in una posizione migliore in termini di sostenibilità fiscale, sfide inflazionistiche e salute del sistema finanziario.

Mentre gli analisti di Nomura si aspettano che l’economia cinese rallenti, stimano che la crescita del Pil in Asia supererà in modo “sostenibile” gli altri mercati emergenti e gli Stati Uniti, con l’India e il Sud-est asiatico destinati a essere le economie in più rapida crescita in questo decennio.

Questa visione è condivisa anche dall’analista Daniela Gombert della società di asset management DWS, che ha affermato che “su un orizzonte di dodici mesi, i mercati azionari asiatici ed europei sembrano essere molto più promettenti del mercato statunitense.

Inoltre, molto diverso è l’approccio delle banche centrali. Mentre la Federal Reserve ha segnalato che potrebbe aumentare i tassi di altri 50 punti base prima della fine dell’anno, Morgan Stanley ha previsto che l’inflazione ha raggiunto il picco nella maggior parte delle economie asiatiche, osservando che quasi tutte le banche centrali della regione hanno interrotto i loro cicli di aumento dei tassi.

Il processo di disinflazione in Asia “è ben avviato” secondo gli analisti e l’inflazione può tornare entro gli intervalli target per l′80% della regione nei prossimi tre mesi.

Pertanto, Morgan Stanley si aspetta che le banche centrali asiatiche siano in grado di tagliare i tassi anche prima della Fed, con i primi ad agire, come l’Indonesia, a partire dal quarto trimestre del 2023.

Il caso Giappone: investire qui?

Con la maggior parte dell’Asia che si è ripresa dalla pandemia, i mercati giapponesi hanno guidato i guadagni, con il Nikkei 225 in rialzo di quasi il 25% dall’inizio dell’anno e il Topix di circa il 21,5%.

Secondo Daniela Gombert della società di asset management DWS, la riapertura della Cina e il ritorno dei turisti dovrebbero essere di buon auspicio per il Giappone. Si stima che “il Giappone dovrebbe essere un mercato piuttosto interessante per gli investitori, anche se i prezzi hanno già avuto una buona corsa a breve termine”.

Anche la Banca del Giappone sarà attentamente monitorata, dopo che il governatore Kazuo Ueda ha preso il timone all’inizio di quest’anno. Ci si aspetta che faccia uscire la BOJ dalla sua politica monetaria ultra accomodante, anche se finora non ha apportato modifiche alla strategia.

La società di private banking Lombard Odier ha osservato che l’inflazione complessiva in Giappone è rimbalzata e che le trattative salariali in primavera hanno prodotto uno dei tassi di retribuzione base più alti degli ultimi decenni.

L’azienda si aspetta anche “un altro anno di inflazione superiore al target nel 2023” e ha previsto che la BOJ risponderà ponendo fine alla sua politica di “controllo della curva dei rendimenti” nel corso dell’anno.

Intelligenza Artificiale: l’Asia vince

Gli sviluppi tecnologici sono un altro motivo di ottimismo in Asia. Con l’avvento dell’intelligenza artificiale generativa come ChatGPT di OpenAI,Bard di Google e Ernie Bot di Baidu, l’attenzione si è rivolta anche all’hardware che alimenta questi strumenti di intelligenza artificiale, ovvero i semiconduttori.

I paesi hanno investito massicci sussidi nella costruzione di impianti di chip e nell’aumento della produzione di semiconduttori, come lo US Chips Act, che fornirà $280 miliardi di sussidi nel prossimo decennio.

Marco Barresi, analista senior di ricerca azionaria di Lombard Odier per la tecnologia, ha sottolineato che anche Giappone, Corea del Sud e Taiwan forniscono crediti d’imposta e sussidi.

Inoltre, nonostante le restrizioni alla Cina da parte degli Stati Uniti sull’ottenimento di tecnologia di chip avanzata, Barresi ha affermato che il dragone sta lavorando per sostenere la sua industria dei semiconduttori, con potenziali circa 143 miliardi di dollari di sussidi in cinque anni.

L’intelligenza artificiale creerà una nuova generazione di startup e applicazioni tecnologiche, proprio come “l’arrivo dell’iPhone ha creato un intero settore attorno alle applicazioni mobili e l’ascesa del cloud computing ha creato un nuovo settore di società di software”.

L’esperto sottolinea inoltre che quasi un terzo delle entrate globali dei semiconduttori nel 2022 era nei chip informatici più sofisticati e le aziende asiatiche rappresentano la maggior parte della produzione di questi chip avanzati.

Due società asiatiche dominano la produzione di questi chip avanzati, ovvero Taiwan Semiconductor Manufacturing Co e Samsung Electronics della Corea del Sud.

Barresi scrive: “Preferiamo i produttori di semiconduttori che servono il mercato del cloud, e quindi esposti agli sviluppi dell’intelligenza artificiale o dell’elettrificazione. Ciò si adatta bene alla nostra preferenza generale per le aziende tecnologiche di qualità man mano che il ciclo economico si evolve”.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo