Arriva il Decreto Immigrazione di Salvini: soldi per i rimpatri e norme severe sulla cittadinanza

Pronto il Decreto Immigrazione voluto da Matteo Salvini: 3,5 milioni spalmati in 3 anni per i rimpatri, stretta sulla concessione della cittadinanza.

Arriva il Decreto Immigrazione di Salvini: soldi per i rimpatri e norme severe sulla cittadinanza

Non si ferma Matteo Salvini ai numeri che hanno certificato una diminuzione degli sbarchi in Italia (-65% ad agosto 2018 rispetto allo stesso mese nel 2017), puntando il dito questa volta sui rimpatri e sulle norme che regolano la concessione della cittadinanza agli stranieri.

Sono questi infatti i due punti principali del Decreto Immigrazione, testo a cui il ministro dell’Interno ha lavorato in queste settimane e che dovrebbe essere discusso nel Consiglio dei Ministri di venerdì.

Il Decreto Immigrazione di Salvini

Senza dubbi il tema dell’immigrazione è stato il fulcro per quanto riguarda Matteo Salvini di questi primi 100 giorni di governo, una sorta di continuo della campagna elettorale che è stata principalmente fondata sulla questione sicurezza.

C’era grande curiosità quindi nel vedere quello che poteva essere il primo provvedimento ufficiale firmato dal nuovo inquilino del Viminale. L’attesa alla fine è giunta al termine visto che sta per arrivare in CdM il Decreto Immigrazione.

Si tratta nello specifico di un provvedimento che si snoda in 15 articoli, tutti riguardanti il tema dell’immigrazione. All’interno ci sono diverse mosse che da tempo venivano annunciate dal ministro dell’Interno.

Ecco che Salvini quindi ha deciso di rimpinguare il Fondo per i rimpatri, con 3,5 milioni che verranno spalmati nei prossimi 3 anni: 500.000 euro per il 2018, 1.500.000 euro per il 2019 e 1.500.000 euro per il 2020.

Stimando che i costi per ogni singolo rimpatrio possono variare dai 4.000 ai 10.000 euro, in base al paese di provenienza, il fondo potrà finanziare da qui fino al 2020 da un massimo di 875 a un minimo di 350 rimpatri.

Se consideriamo che al momento sono circa 500.000 gli stranieri irregolari nel nostro paese, anche al massimo delle sue potenzialità il Fondo comunque appare abbastanza insufficiente per gli scopi annunciati dal ministro.

Altro punto cardine del Decreto Immigrazione è quello relativo alla concessione della cittadinanza. Nel testo infatti sono previste norme più stringenti per gli stranieri che intendono fare domanda.

Non devono avere, a carico proprio o dei familiari conviventi, provvedimenti dell’autorità di pubblica sicurezza, giudiziari o di condanna, anche non definitiva, nonché concreti elementi di pericolosità sociale o di non irreprensibilità della condotta. Ai medesimi fini, gli stessi devono avere un reddito pari a quello previsto per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, ai sensi dell’articolo 2, comma 15 della legge 28 dicembre 1995, n. 549, e devono assolvere regolarmente gli obblighi fiscali.

Altra novità è che la cittadinanza italiana potrà essere revocata, allo straniero o all’apolide, in caso di una condanna definitiva in appello per i reati di terrorismo e di eversione. Infine è presente anche un articolo che verte sulle modalità di cessazione del diritto alla protezione internazionale.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Matteo Salvini

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

1 ora fa

Cos’è il Decreto Sicurezza? Ecco cosa prevede il provvedimento voluto da Salvini

Cos'è il Decreto Sicurezza? Ecco cosa prevede il provvedimento voluto da Salvini

Commenta

Condividi

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

4 ore fa

Patto di ferro tra Salvini, Berlusconi e Meloni: il centrodestra ora può prendersi tutto

Patto di ferro tra Salvini, Berlusconi e Meloni: il centrodestra ora può prendersi tutto

Commenta

Condividi

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

7 ore fa

La mossa di Salvini: rinasce il centrodestra e il condono non si tocca. M5S all’angolo?

La mossa di Salvini: rinasce il centrodestra e il condono non si tocca. M5S all'angolo?

Commenta

Condividi