Crollo della lira turca: -15% dopo la decisione di Erdogan

Violetta Silvestri

22/03/2021

22/03/2021 - 09:03

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La lira turca ai minimi storici rispetto al dollaro: il presidente Erdogan ha deciso di cambiare il governatore della Banca centrale in aperta polemica sulla politica dei tassi.

Crollo della lira turca: -15% dopo la decisione di Erdogan

La lira turca è crollata verso un minimo storico rispetto al dollaro: il presidente Tayyip Erdogan ha sbalordito gli investitori durante il fine settimana, sostituendo il governatore della banca centrale in aperto contrasto sulle ultime decisioni relative ai tassi di interesse.

La valuta ha quindi spazzato via una buona parte dei guadagni degli ultimi mesi. Il calo ha portato la moneta a pochi punti percentuali dal minimo storico raggiunto il 6 novembre, il giorno prima della nomina dell’ex governatore Naci Agbal.

I mercati asiatici hanno scambiato in clima contrastato: cosa sta succedendo alla lira turca?

Lira turca: è tonfo, che succede?

I mercati oggi si sono risvegliati con il ciclone Turchia:
la lira turca si è attestata a 8,0500 per dollaro, in calo del 10% dalla chiusura di venerdì e il crollo è stato anche del 14,9% a 8,4850, vicino al minimo storico di 8,5800.

Il dollaro è stato scambiato di quasi il 12% in più rispetto alla lira a 8,0520, il movimento più netto dall’agosto 2018, quando i mercati turchi erano in un’altra delle loro crisi periodiche.

Gli analisti hanno affermato di essere pronti a mosse più grandi man mano che gli investitori entreranno nei mercati.

Lo yen è salito rispetto all’euro, al dollaro australiano e al dollaro neozelandese, spinto dalle aspettative che gli investitori al dettaglio giapponesi che hanno perso denaro con la lira svenderanno altri scambi incrociati di yen popolari.

Alle ore 8.35 circa la coppia USD/TRY scambia a 7,8446, con un rialzo del biglietto verde di 8,67%.

Erdogan cambia governatore della banca centrale

Il tumulto della lira turca è arrivato in seguito alla decisione shock di Erdogan di licenziare Agbal dal suo ruolo di governatore della banca centrale.

La mossa solleva preoccupazioni sul fatto che il Paese possa nuovamente allentare prematuramente i tassi di interesse.

Prima di Agbal, gli investitori hanno spesso criticato l’autorità monetaria turca in quanto troppo rapida nell’annullare l’inasprimento e troppo lenta nel rispondere ai rischi, più recentemente ad agosto, quando la lira ha perso circa un quarto del suo valore.

Le politiche di Agbal di aumentare i tassi per contrastare la vertiginosa inflazione hanno reso la lira la migliore valuta di carry trade quest’anno, portando capitali nei mercati turchi.

Con questa decisione, è la terza volta dalla metà del 2019 che Erdogan - che ha ripetutamente chiesto tassi bassi - ha estromesso un governatore di una banca.

Il governatore uscente Naci Agbal, nominato meno di cinque mesi fa, si era guadagnato l’elogio del mercato aumentando in modo aggressivo il tasso ufficiale di 875 punti base al 19%, il più alto di qualsiasi grande economia.

Il nuovo governatore della banca turca è Kavcioglu, professore universitario ed editorialista del quotidiano filogovernativo Yeni Safak.

Il giornale ha criticato l’ultimo aumento del tasso di interesse dell’autorità monetaria, affermando che la decisione non ha preso in considerazione gli 83 milioni di persone della Turchia e che è un danno per la crescita economica.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories