Crisi NFT: vendite in calo del 60%

Giulia Manzi

05/10/2022

05/10/2022 - 11:54

condividi

La crisi delle criptovalute si ripercuote anche sulle vendite degli NFT e si prospetta di lunga durata.

Crisi NFT: vendite in calo del 60%

Un calo netto, delle vendite di NFT (Non Fungible Token), che nel terzo trimestre diminuiscono del 60%. Dati confermati dalle principali piattaforme di analisi e scambio.

Crisi NFT: i dati di DeepRadar

La piattaforma di analisi e monitoraggio delle applicazioni decentralizzate DeepRadar segnala un calo progressivo delle vendite di NFT dai 12,5 miliardi di dollari del primo trimestre del 2022, agli 8,4 miliardi di dollari del secondo, fino ai 3,4 miliardi del trimestre attuale.

Crisi NFT: i dati di OpenSea

I numeri in discesa sono confermati anche dall’analisi delle vendite su OpenSea, il più grande mercato NFT, che vede la diminuzione delle vendite a settembre per il quinto mese consecutivo. Il numero di acquirenti di NFT sembra essersi più che dimezzato rispetto al picco di fine gennaio.

Crisi NFT: i dati di Art Market Research

Anche i dati di Art Market Research segnalano una vera e propria crisi dei token: le vendite sul mercato dell’arte sono ferme a 9,41 milioni di dollari da inizio anno, contro i 144 milioni del 2021.

L’inverno delle criptovalute: il rifiuto di investire in asset rischiosi

Se nel corso del 2021 il mercato nascente degli NFT si mostrava florido, beneficiato dall’aumento dei prezzi delle criptovalute e dall’elevata propensione al rischio degli investitori, l’aumento dei tassi delle banche centrali ha spinto verso un abbandono degli asset rischiosi e verso investimenti più prudenti e improntati al risparmio.

La crisi delle vendite degli NFT si colloca quindi alla crisi più ampia delle criptovalute, nota come «inverno delle criptovalute», ovvero un periodo prolungato di flessione del valore delle valute che supera la normale fluttuazione delle principali monete digitali, come Bitcoin ed Ethereum.

Rapportando il dato di martedì 4 ottobre 2022, con quello dell’anno precedente, si può notare che un Bitcoin veniva scambiato, nel 2021, a 41.535,25 euro, mentre oggi il suo valore è stimato a 20.213,26 euro. Un calo di valore superiore al 50%.

Secondo gli analisti, la fase di discesa cominciata a inizio 2022 potrebbe durare a lungo, almeno finché non si verificherà un nuovo periodo di propensione a investire su asset a rischio da parte degli acquirenti.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.