La crisi irrisolvibile del Regno Unito ha un solo motivo: la Brexit

Lorenzo Bagnato

24/10/2022

24/10/2022 - 16:44

condividi

Con le dimissioni di Liz Truss, il Regno Unito deve affrontare un’altra immensa crisi politica. I problemi della Gran Bretagna degli ultimi anni possono essere ricondotti a una cosa: la Brexit.

La crisi irrisolvibile del Regno Unito ha un solo motivo: la Brexit

Il Regno Unito, un tempo faro di stabilità e crescita in Europa, sta ora affrontando la peggiore crisi politica ed economica degli ultimi decenni. Ieri, la prima ministra britannica Liz Truss si è dimessa dal suo incarico, segnando il mandato più breve mai svolto da un primo ministro britannico: 45 giorni. Downing Street accoglierà ora il suo quinto inquilino in sei anni e avrà il non invidiabile compito di riprendere la giusta rotta.

Ma questa crisi senza precedenti nella politica britannica può essere fatta risalire a una e unica ragione: la Brexit. Dal referendum del 2016, quando la maggioranza della popolazione britannica ha votato per lasciare l’Unione Europea, il Regno Unito non è più stato lo stesso. Una pletora di leader Tory ha cercato più e più volte di far funzionare la Brexit, ma tutto ciò che potevano ottenere era un accordo oggettivamente orribile per loro.

Poi, due grandi crisi internazionali si sono succedute una dopo l’altra, scuotendo tutti i mercati del mondo. Prima è stata la pandemia di Covid-19, poi l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Il mondo intero è stato scioccato economicamente e politicamente da questi eventi, ma il Regno Unito ha comunque ottenuto risultati peggiori di tutti gli altri.

C’è un pattern e può essere fatto risalire alla Brexit. Basta osservare i numeri per vederlo.

Perché la Brexit ha peggiorato le cose

L’intera idea della Brexit si basava sul concetto di indipendenza economica. Ora, il Regno Unito sarebbe in grado di commerciare con chiunque desideri senza consultare l’Ue. Quello che non hanno considerato, tuttavia, è se altre persone vogliono fare affari con loro o meno.

Dopo la Brexit c’è stata una migrazione degli affari dalla città di Londra verso altri mercati europei più convenienti. Le imprese britanniche e straniere non volevano essere isolate dal più grande commercio del mondo. Allo stesso tempo, l’Ue non aveva alcun interesse per le merci britanniche, poiché potevano trovare prodotti della stessa qualità ma a un prezzo inferiore.

Guardando i numeri, la crescita commerciale del Pil è stata inferiore nel Regno Unito rispetto al resto del G7. E lo stesso vale per il numero dei suoi partner in affari rispetto a quelli dei suoi alleati internazionali.

Quindi, la crescita del business si è stabilizzata dopo il 2016 ed è decisamente crollata con il Covid. La piccola crescita avvenuta nel 2021/2022 non è stata nulla rispetto all’Ue. Il risultato è, per il Regno Unito, una proiezione di crescita del Pil per il 2023 precisamente dello 0%, mentre l’aumento dell’Unione Europea è stimato al +2,8%.

Secondo un rapporto del Financial Times, la Brexit danneggerà la crescita del Regno Unito del 4% annuo. Sono miliardi di sterline che sono semplicemente svanite dalle tasche del Regno Unito, miliardi di sterline che altrimenti esisterebbero senza la Brexit. In confronto, gli unici accordi commerciali raggiunti dal Regno Unito dopo la Brexit (che non esistevano già nell’Ue) aumenteranno il PIL annuo del 0,08%.

E questo senza menzionare la carenza di manodopera del Regno Unito, l’inflazione (costantemente superiore all’Ue) e l’attrito alle frontiere in Irlanda del Nord.

Possiamo tranquillamente affermare, dopo sei anni di caos, che la Brexit non è stata una buona idea. E la cosa peggiore per il Regno Unito è che nessuno nel panorama politico può ammetterlo. Se il partito laburista o quello conservatore lo ammettessero, perderebbero immediatamente credibilità al pubblico.

Il danno della Brexit è già stato fatto. E sarà difficile tornare indietro per almeno un’intera generazione.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il giorno 2022-10-21 16:35:33. Titolo originale: UK’s unsolvable crisis has only one reason: Brexit

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.