Cresce la paura per un credit crunch. Quali conseguenze dalla tassa sugli extraprofitti?

Tommaso Scarpellini

09/08/2023

09/08/2023 - 15:29

condividi

In seguito alla comunicazione della misura proposta dal governo riguardo la tassa sugli extraprofitti bancari, la paura di una stretta creditizia è tornata al centro delle discussioni degli analisti.

Cresce la paura per un credit crunch. Quali conseguenze dalla tassa sugli extraprofitti?

La recente proposta avanzata dal Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha scatenato un intenso dibattito che ha coinvolto esperti provenienti da diverse discipline, tra cui politica, economia, settore bancario e finanza.

L’introduzione della tassa sugli extraprofitti bancari è stata oggetto di discussione all’interno della comunità borsistica per vari motivi, con il primo tra essi che riguarda il rischio di una significativa stretta creditizia, comunemente noto come credit crunch.

In Europa si stanno manifestando i primi segni di contrazione economica, con la Germania e, di conseguenza, l’intera Europa, che stanno affrontando una recessione tecnica, mentre l’Italia ha registrato una contrazione del PIL dello 0,3% nel suo primo trimestre. [...]

Money

Questo articolo è riservato agli abbonati

Abbonati ora

Accedi ai contenuti riservati

Navighi con pubblicità ridotta

Ottieni sconti su prodotti e servizi

Disdici quando vuoi

Sei già iscritto? Clicca qui

​ ​

Argomenti

# Bce
# Banche

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.