Cosa svelano i conti delle Big Bank Usa sulla crisi economica

Violetta Silvestri

13 Gennaio 2023 - 15:35

condividi

Le Big Bank Usa iniziano la stagione degli utili, con i dati del quarto trimestre: cosa hanno svelato i conti sulla situazione economica globale e della potenza Usa? Si intravede davvero una crisi?

Cosa svelano i conti delle Big Bank Usa sulla crisi economica

Quali indicazioni sono arrivate dai conti del quarto trimestre pubblicati dalle maggiori banche Usa?

I dati sono utili agli investitori per capire quanto il sentiment negativo su una possibile recessione sia stato assorbito dai colossi finanziari di Wall Street.

Alcuni segnali di incertezza ci sono stati. I futures su S&P 500 e Nasdaq 100 sono scesi di almeno lo 0,9% con i trader che hanno cercato di digerire una serie di guadagni dalle principali banche. Le azioni di JPMorgan Chase sono crollate del 3% nel pre-mercato dopo che la stima del reddito da interessi netti del più grande prestatore statunitense ha deluso le aspettative degli analisti. Citigroup, Bank of America e Wells Fargo sono scesi dopo le loro relazioni sugli utili.

Cosa hanno svelato le trimestrali delle Big Bank?

Trimestrali Big Bank Usa: c’è allarme recessione?

JPMorgan ha registrato profitti e ricavi del quarto trimestre oltre le aspettative, poiché gli interessi attivi presso la banca sono aumentati del 48% grazie all’aumento dei tassi e alla crescita dei prestiti.

Tuttavia, la banca ha registrato un accantonamento di $2,3 miliardi per perdite su crediti nel trimestre, un aumento del 49% rispetto al terzo trimestre. La mossa è stata guidata da “un modesto deterioramento delle prospettive macroeconomiche dell’azienda, che ora riflette una lieve recessione nello scenario base”, nonché dalla crescita dei prestiti da parte dei clienti che utilizzano le loro carte di credito Chase, ha affermato la banca.

La recessione, in cui la disoccupazione negli Stati Uniti potrebbe raggiungere il 4,9%, dovrebbe essere attesa nel quarto trimestre di quest’anno, ha detto ai giornalisti il ​​CFO Jeremy Barnum.

Mentre il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha affermato che l’economia statunitense rimane attualmente forte grazie a consumatori e imprese ben finanziati, ha indicato una serie di rischi.

“Ancora non conosciamo l’effetto finale dei venti contrari derivanti dalle tensioni geopolitiche, tra cui la guerra in Ucraina, lo stato vulnerabile dell’approvvigionamento energetico e alimentare, l’inflazione persistente che sta erodendo il potere d’acquisto e ha spinto i tassi di interesse più in alto, e la stretta quantitativa senza precedenti”, ha detto Dimon.

La stretta quantitativa si riferisce alle mosse delle banche centrali per ridurre i loro bilanci interrompendo o invertendo i precedenti programmi di acquisto di obbligazioni. JPMorgan, la più grande banca statunitense per attività, è attentamente monitorata per indizi su come il settore stia navigando in un’economia a un bivio.

Gli analisti si aspettavano un miscuglio di tendenze contrastanti dalle banche. Tassi più elevati aiutano gli istituti di credito a guadagnare più interessi attivi, ma parte di tale spinta è compensata da maggiori accantonamenti per le perdite sui prestiti previste mentre l’economia rallenta.

Da ricordare, che proprio Dimon ha scosso i mercati l’anno scorso quando ha affermato che un uragano economico causato dalla Federal Reserve si stava dirigendo verso gli Stati Uniti.

Intanto, Citigroup ha pubblicato un utile netto del quarto trimestre diminuito del 21% rispetto a un anno fa, poiché il calo dell’investment banking ha oscurato un vantaggio derivante da tassi di interesse più elevati. La banca ha anche detto che stava mettendo da parte più soldi per perdite su crediti.

Wells Fargo & Co ha registrato un calo del 50% degli utili per il quarto trimestre, poiché la banca ha accumulato oltre 3 miliardi di dollari di costi relativi a uno scandalo di conti falsi e ha aumentato le riserve per perdite su prestiti per un potenziale rallentamento economico.

Tra le grandi banche, Bank of America è stata quella che ha beneficiato maggiormente degli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve nel 2022. Il reddito netto da interessi è salito del 29% a 14,7 miliardi di dollari nel trimestre, poiché l’istituto di credito ha raccolto maggiori pagamenti di interessi sui prestiti emessi

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.