Cosa succede al mercato del petrolio?

Violetta Silvestri

1 Aprile 2024 - 10:45

Prezzo e mercato del petrolio sotto i riflettori: cosa sta succedendo all’oro nero, con quotazioni in rialzo ed esportazioni Usa da record?

Cosa succede al mercato del petrolio?

Il prezzo del petrolio sale sulla scia dei guadagni di chiusura del primo trimestre.

Il greggio sta trovando nuova linfa dalle aspettative di una riduzione dell’offerta derivante dai tagli dell’OPEC+, dagli attacchi alle raffinerie russe e dai dati positivi sul manifatturiero cinese che supportano le prospettive di miglioramento della domanda.

Il Brent di giugno è balzato sopra gli 87 dollari al barile dopo che i prezzi del primo mese sono aumentati del 14% nel primo trimestre 2024, mentre il West Texas Intermediate oscilla sulla soglia di 83 dollari.

Entrambi i benchmark hanno chiuso in rialzo per il terzo mese consecutivo a marzo, mentre l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati si sono impegnati a estendere tagli alla produzione fino alla fine di giugno che potrebbero restringere l’offerta di greggio durante l’estate. Il balzo dell’oro nero è influenzato da un mix di fattori, mentre gli analisti osservano con attenzione anche i cambiamenti del mercato, con il greggio Usa protagonista a livello mondiale.

Petrolio in rialzo, dove arriverà il prezzo?

Il petrolio inizia il secondo trimestre con uno slancio, trainato da diversi fattori rialzisti.
L’attività industriale cinese ha registrato una ripresa a marzo e ha così interrotto il calo durato cinque mesi, alimentando le speranze che i consumi del più grande importatore di greggio possano essere in ripresa.

Le prospettive del petrolio “sono rafforzate dai segnali di rilancio economico in Cina, il principale importatore di petrolio al mondo, guidato da una ripresa dell’attività industriale e della produzione industriale”, ha affermato Ravindra Rao, responsabile della ricerca sulle materie prime presso Kotak Securities Ltd.

Intanto, il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato che le sue compagnie petrolifere si concentreranno sulla riduzione della produzione piuttosto che sulle esportazioni nel secondo trimestre, al fine di distribuire uniformemente i tagli alla produzione con gli altri Paesi membri dell’OPEC+.

Gli attacchi di droni dall’Ucraina hanno anche messo fuori uso diverse raffinerie russe, il che dovrebbe ridurre le esportazioni di carburante della Russia.

“I rischi geopolitici per le forniture di greggio e di materie prime pesanti si aggiungono ai forti fondamentali della domanda del secondo trimestre del 2024”, hanno affermato in una nota gli analisti di Energy Aspects.

Quasi 1 milione di barili al giorno (bpd) della capacità di lavorazione del greggio russo è offline a causa degli attacchi, con un impatto sulle esportazioni di olio combustibile ad alto contenuto di zolfo che viene lavorato nelle raffinerie cinesi e indiane, ha aggiunto la società di consulenza.

In Europa, inoltre, la domanda di petrolio è stata più solida del previsto, con un aumento di 100.000 bpd su base annua a febbraio, hanno detto gli analisti di Goldman Sachs, rispetto alla previsione di una contrazione di 200.000 bpd nel 2024.

La domanda solida europea, la debolezza della crescita dell’offerta statunitense insieme a una possibile estensione dei tagli dell’OPEC+ fino al 2024 superano il rischio al ribasso derivante dalla persistente fragilità della domanda cinese, si legge in una nota.

Così cambia l’export mondiale di greggio, a vantaggio Usa

Tra i principali beneficiari delle sanzioni sul petrolio russo e venezuelano ci sono i fornitori statunitensi che si sono fatti strada nei mercati un tempo dominati dall’OPEC e dai suoi alleati.

Le esportazioni di petrolio Usa hanno stabilito cinque nuovi record mensili da quando le nazioni occidentali hanno iniziato a imporre sanzioni alla Russia nel 2022. E con le restrizioni commerciali sul Venezuela destinate a rinnovarsi ad aprile, i barili americani stanno iniziando a sostituire il greggio sanzionato in India.

Il cambiamento sottolinea la misura in cui le sanzioni hanno aiutato il greggio americano a conquistare quote di mercato in tutto il mondo. Il petrolio Usa è stato per lungo tempo il barile flessibile di riferimento a livello mondiale, ma l’interruzione dei flussi energetici dopo l’invasione russa dell’Ucraina si è creato spazio per una nuova attrazione per i barili americani. Le spedizioni verso l’Europa e l’Asia sono aumentate, trasformando gli Stati Uniti in uno dei maggiori esportatori mondiali.

L’India – il terzo importatore di greggio e il secondo acquirente di Mosca dopo la Cina – è l’ultimo mercato a registrare un afflusso di petrolio statunitense. Secondo i dati della società di monitoraggio del greggio Kpler, le spedizioni americane in India sono destinate a salire a marzo al livello più alto in quasi un anno.

E in Europa, che ha in gran parte evitato il petrolio russo dall’inizio della guerra in Ucraina, le spedizioni statunitensi raggiungeranno la cifra record di 2,2 milioni di barili al giorno a marzo, secondo i dati di tracciamento delle navi compilati da Bloomberg.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo