Cosa serve per il 730/2022: l’elenco dei documenti richiesti

Simone Micocci

24 Maggio 2022 - 10:25

condividi

Quali sono i documenti necessari per la modifica e l’invio della dichiarazione dei redditi con modello 730/2022? Ecco tutto quello che serve sapere.

Cosa serve per il 730/2022: l'elenco dei documenti richiesti

È tempo d’invio della dichiarazione dei redditi: già dal 23 maggio è disponibile il modello 730/2022 precompilato e nei prossimi giorni l’Agenzia delle entrate darà il via libera alle modifiche e all’invio.

C’è chi sceglierà d’inviare la dichiarazione dei redditi in autonomia direttamente dal sito dell’Inps, utilizzando appunto il modello precompilato, e chi invece per non commetterà errori si avvarrà del supporto - a pagamento - di caf e patronati.

Tra questi c’è chi già si è mosso consegnando al caf o al patronato di fiducia tutta la documentazione richiesta ai fini della dichiarazione dei redditi con modello 730/2022, affinché questi possano essere pronti all’invio della stessa non appena l’Agenzia delle entrate darà il via libera. D’altronde, solo i primi che invieranno dichiarazione dei redditi avranno chance di ricevere un eventuale rimborso Irpef già con la busta paga di luglio.

Ma cosa serve per la dichiarazione dei redditi con modello 730/2022? Quali sono i documenti richiesti? Quali scontrini vanno conservati? Ecco tutto quello che serve sapere a riguardo, così da iniziare - se non lo avete già fatto - a raccogliere tutta la documentazione necessaria.

Cosa serve per il 730/2022: documenti personali

Come prima cosa il caf o il patronato vi chiederà una serie di documenti personali necessari ai fini della compilazione del modello 730/2022. Intanto quelli riferiti a colui che presenta dichiarazione dei redditi, ossia un documento d’identità e la tessera sanitaria (in quanto è necessario il codice fiscale).

Dopodiché vi verrà chiesta anche la documentazione riferita ai familiari a carico, per i quali non dovrebbe essere necessario il documento d’identità in quanto è sufficiente il codice fiscale (quindi la tessera sanitaria).

Infine, per i lavoratori dipendenti sono richiesti anche i dati del datore di lavoro, dell’azienda quindi, in quanto sarà questo, in qualità di sostituto d’imposta, ad effettuare il conguaglio (che può essere a debito e a credito).

Cosa serve per il 730/2022: documenti attestanti i redditi

Dopodiché il caf o il patronato avrà necessità di raccogliere tutti i documenti che attestano i vostri redditi. Ad esempio, nel caso dei lavoratori dipendenti e pensionati, i documenti richiesti sono:

  • certificazione unica (riferita ai redditi dello scorso anno);
  • certificato di eventuali pensioni estere;
  • per i lavoratori domestici, come colf e badanti, è richiesta l’attestazione del datore di lavoro contenente le somme corrisposte.

Altra documentazione richiesta è quella riferita a eventuali assegni periodici riconosciuti dall’ex coniuge, sia in caso di separazione che divorzio, o anche quella che indica i redditi diversi percepiti dagli eredi.

Bisogna poi indicare le proprietà. Per eventuali terreni o fabbricati di proprietà sono dunque richiesti i seguenti documenti:

  • visura catastale;
  • atti o contratti di compravendita, donazione, divisione, successione;
  • contratti di locazione ai sensi della legge n. 431/1998;
  • canone proveniente da immobili in locazione;
  • copia degli F24 per i versamenti Imu effettuati;
  • nel caso di affitto con cedolare secca è richiesta la ricevuta della raccomandata inviata all’inquilino, insieme alla copia del contratto.

Cosa serve per il 730/2022: i documenti per godere delle detrazioni

Con il modello 730/2022 si può beneficiare di una serie di detrazioni grazie a cui recuperare una parte delle spese sostenute lo scorso anno. A tal proposito, è essenziale che per ogni detrazione di cui si vuole godere venga data prova di pagamento dell’onere, per la quale è sufficiente uno dei seguenti documenti:

  • ricevuta di pagamento con bancomat o carta di credito;
  • copia bonifico;
  • copia bollettino postale o del Mav;
  • copia dei pagamenti effettuati con PagoPa.

In mancanza dei suddetti, può essere sufficiente un’annotazione in fattura, ricevuta fiscale o documento commerciale, da parte di colui che ha effettuato la vendita o ha effettuato la prestazione.

È essenziale, quindi, che i pagamenti per le spese di cui si vuole godere della detrazione prevista siano stati effettuati con metodi tracciabili. Ma ci sono delle eccezioni, ossia dei pagamenti che possono anche essere effettuati in contanti senza il rischio di perdere il diritto alla detrazione: si tratta di quelle spese effettuate per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici, nonché di prestazioni sanitarie (ma solo quando rese da strutture pubbliche o comunque private ma convenzionate con il Ssn).

Detto questo, è bene essere informati su quali sono le detrazioni di cui si può godere in sede di dichiarazione dei redditi 2022, così da capire anche quali sono i documenti richiesti a seconda dei casi; a tal proposito, qui trovate l’elenco completo.

Iscriviti a Money.it