Cosa rischia chi non indossa la mascherina?

Stefano Rizzuti

06/10/2021

06/12/2021 - 11:57

condividi

L’obbligo di mascherina vale al chiuso già dalla zona bianca e all’aperto in zona gialla e in alcune città e Regioni. Chi non indossa il dispositivo cosa rischia? Quali sono le multe previste?

Cosa rischia chi non indossa la mascherina?

Torna l’obbligo di mascherine all’aperto in sempre più Regioni e città. Il dispositivo di protezione individuale deve essere sempre indossato - anche all’aperto - in tutti i territori in zona gialla. L’obbligo, inoltre, resta per tutti i luoghi al chiuso in cui è già previsto (per esempio cinema, mezzi di trasporto, negozi) già in zona bianca.

Ma in queste settimane l’obbligo all’aperto è stato disposto in zona bianca anche in molti comuni in vista del periodo natalizio e dello shopping prima delle feste, con il rischio di multe per chi non le indossa.

Il ritorno delle mascherine all’aperto dipende anche dal fatto che alcune Regioni sono nuovamente in zona gialla. Le prime a dover applicare le restrizioni di questa fascia - ovvero proprio l’obbligo di mascherina all’aperto - sono state Friuli-Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Bolzano.

Ma anche in zona bianca ormai la mascherina all’aperto è tornata obbligatoria in molte città, almeno nelle più grandi, in vista del Natale. I sindaci hanno deciso d’introdurre l’obbligo nelle vie del centro e dello shopping per il timore di assembramenti dovuti all’afflusso ingente di persone nel periodo pre-natalizio.

Così in molte città, a partire da Roma e Milano, sono tornate le mascherine all’aperto obbligatorie e, allo stesso tempo, le multe per chi non le indossa. Cosa rischia chi è senza mascherina nei luoghi all’aperto in cui è obbligatoria? Quali sono le sanzioni?

Dove è previsto l’obbligo di mascherine all’aperto

La mascherina all’aperto è obbligatoria in zona gialla ma anche in molte zone che ancora non sono in giallo ma hanno previsto apposite restrizioni. È per esempio il caso della Calabria e della Sicilia: entrambe le Regioni hanno disposto l’obbligo di mascherina all’aperto. Che resta in vigore anche in Campania, dove in realtà non è mai stato revocato laddove non sia possibile mantenere il distanziamento.

I sindaci di alcune grandi città hanno disposto l’obbligo all’aperto soprattutto nelle vie del centro e dello shopping: parliamo di Roma, Milano, Torino, Firenze, Venezia, Genova, Cagliari. Ma l’obbligo vale anche in tante altre città per il periodo natalizio, come Reggio Emilia, Aosta, Padova, Pavia.

Cosa rischia chi non indossa la mascherina: le multe

Per chi non indossa la mascherina dove è obbligatoria, il rischio è quello di una multa che può andare da 400 a 1.000 euro. I trasgressori delle ordinanze locali e della legge nazionale rischiano una sanzione minima di 400 euro che può essere ridotta a 280 in caso di pagamento entro cinque giorni. Il massimo è di 1.000 euro e l’importo è stabilito discrezionalmente dalle forze dell’ordine.

La multa si può contestare nelle forme e nei modi previsti dalla legge (entro 30 giorni) mentre è possibile pagare in misura scontata del 30% entro 5 giorni.

Alla sanzione amministrativa di base possono essere aggiunte delle “aggravanti” se il fatto viene commesso in presenza di persone anziane, immunodepressi o da soggetti positivi al Covid-19 o con sintomi.

Dove è obbligatorio indossare la mascherina

L’obbligo di mascherina non vale solo all’aperto in zona gialla e nelle città e Regioni che l’hanno stabilito attraverso apposita ordinanza, ma vale anche in molti luoghi al chiuso. In zona bianca la mascherina deve essere sempre portata con sé e indossata in caso di assembramenti.

Inoltre l’obbligo vale su treni, aerei, autobus, tram, in automobile se ci sono persone non conviventi a bordo, nei centri commerciali, nei negozi e in tutti i luoghi al chiuso in determinati momenti (per esempio all’interno dei ristoranti quando ci si alza).

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Fase 2
# Fase 3

Iscriviti a Money.it