Coronavirus, cambia l’età dei ricoverati in terapia intensiva: lo studio del Gemelli

L’età delle persone ricoverate in terapia intensiva si sta abbassando, ma il numero dei pazienti aumenta.

Coronavirus, cambia l'età dei ricoverati in terapia intensiva: lo studio del Gemelli

Cambia l’età dei pazienti ricoverati in terapia intensiva a causa dell’iniezione da coronavirus, secondo quanto riportato da uno studio condotto nel Policlinico Gemelli. Già lo scorso luglio si era assistito ad una diminuzione dell’età dei pazienti che dai 65/80 anni è scesa a 40/60, mentre l’età media delle persone positive alla Sars-Cov-2.

Sono proprio i giovani positivi a destare maggiori preoccupazioni, infatti sebbene la maggior parte sia completamente asintomatica, o manifesti dei sintomi molto lievi, possono diventare la causa di infezione dei parenti più anziani.

Scende l’età dei pazienti in terapia intensiva

Massimo Antonelli, direttore del dipartimento di Anestesia e Rianimazione del Policlinico Gemelli Irccs di Roma, membro del Comitato tecnico scientifico per il contenimento del coronavirus, ha fatto sapere che nell’ultimo periodo i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono diversi rispetto all’inizio della pandemia. La nuova impennata di contagi inoltre ha fatto aumentare anche il numero dei ricoveri, spiega il medico:

“Stiamo registrando un incremento dei ricoveri, anche di quelli in terapia intensiva. Un fenomeno tollerabile dalle strutture sanitarie, che non ha nulla a che vedere con quanto abbiamo visto a marzo, ma che non deve essere sottovalutato”.

Antonelli precisa però che grazie alla nuova organizzazione delle strutture sanitarie è possibile garantire una maggiore disponibilità di letti nelle terapie intensive, fornendo anche una maggiore tranquillità, rispetto ai mesi di marzo e aprile, nel caso di una seconda ondata. Il medico precisa anche che adesso il personale sanitario è più preparato: “conosciamo meglio il nostro nemico e sappiamo identificare e trattare prima i pazienti con sintomi. I pazienti impegnativi arrivano prima in ospedale e, quando serve, arrivano prima anche in terapia intensiva: così possiamo trattarli in modo precoce.

L’importanza del trattamento e della prevenzione

Antonelli spiega anche che ormai, dopo mesi di tentativi, si è giunti anche ad un consolidamento della terapia: in caso di una polmonite, i pazienti vengono sottoposti a ventilazione, a pancia in giù e se necessario, sottoposti a circolazione extracorporea. Il medico ricorda inoltre che al momento, in attesa di un vaccino, l’unica arma che abbiamo per difenderci è la prevenzione:

“Non ci stanchiamo di ricordare l’importanza del distanziamento, dell’uso delle mascherine soprattutto negli ambienti chiusi e dove non è possibile la distanza, dell’igiene delle mani e di evitare le aggregazioni. L’atteggiamento che abbiamo visto questa estate, con un allentamento dell’attenzione, rappresenta una reazione comprensibile ma pericolosa”.

Antonelli spiega che è necessario resistere ancora un po’ prima di poter tornare ufficialmente alla normalità, e tanto più le persone saranno responsabili, tanto prima questo situazione potrebbe giungere alla fine.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories