Congedo di paternità: resta di 7 giorni con la Legge di Bilancio 2021

Congedo di paternità: anche per il 2021 resta di 7 giorni con la Legge di Bilancio ancora in bozza e in via di definizione. Vediamo in cosa consiste questa misura per i neo papà.

Congedo di paternità: resta di 7 giorni con la Legge di Bilancio 2021

Il congedo di paternità resta di 7 giorni con la Legge di Bilancio 2021 confermando dunque quanto già previsto lo scorso anno.

Il congedo di paternità anche per il 2021 è riservato ai neo papà che possono fruire di 7 giorni retribuiti al 100 percento.

La Manovra 2020 aveva già aumentato da 5 a 7 i giorni di congedo di paternità che restano pertanto tali anche per il 2021.

Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2021 stanzia risorse per il già annunciato assegno unico per i figli che si affianca al bonus bebè.

Vediamo nel dettaglio in cosa consiste il congedo di paternità confermato con la Legge di Bilancio 2021.

Congedo di paternità: 7 giorni nella Legge di Bilancio 2021

Il congedo di paternità di 7 giorni nella Legge di Bilancio 2021 è previsto per i neo papà che saranno tali dal 1° gennaio del prossimo anno e fino al 31 dicembre 2021.

L’Italia innalzando da 5 a 7 i giorni di congedo di paternità retribuiti ha recepito già un anno fa la direttiva europea del minimo dei 10 giorni e dovrà adeguarsi alla soglia stabilita entro il 2022.

I papà lavoratori dipendenti anche nel 2021 avranno diritto a 7 giorni di congedo totalmente retribuito assentandosi da lavoro. I 7 giorni di congedo di paternità, anche con la Legge di Bilancio 2021, sono elevabili a 8 nel caso in cui la madre rinunci a un giorno di congedo di maternità.

Il congedo di paternità può essere chiesto fino al 5° mese dalla nascita del figlio come anche per l’affidamento o l’adozione.

A introdurre il congedo di paternità l’articolo 59 della Legge di Bilancio in bozza nel quale si legge:

“Al comma 354 dell’articolo 1 della legge 11 dicembre 2016, n. 232 sono apportate le seguenti modificazioni: a) al primo periodo, le parole: «anche per gli anni 2017, 2018, 2019 e 2020» sono sostituite dalle seguenti: «anche per gli anni 2017, 2018, 2019, 2020 e 2021» b) al secondo periodo, le parole «e a sette giorni per l’anno 2020» sono sostituite dalle seguenti: «e a sette giorni per ciascuno degli anni 2020 e 2021» c) Al terzo periodo, le parole: «Per gli anni 2018, 2019 e 2020» sono sostituite dalle seguenti: «Per gli anni 2018, 2019, 2020 e 2021» 2. All’onere derivante dal comma 1 valutato in 106,1 milioni di euro per l’anno 2021 si provvede mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 339 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, come anche rifinanziata dalla presente legge.”

Congedo di paternità 2021: come ottenerlo

In attesa dell’ufficialità della Legge di Bilancio e della circolare INPS che immaginiamo seguirà, proviamo a capire come ottenere il congedo di paternità 2021 sulla base di quanto previsto per il 2020, ipotizzando che le modalità restino le medesime.

Il congedo di paternità obbligatorio di 7 mesi deve essere richiesto dal neo papà:

  • all’INPS se l’indennità è erogata direttamente dall’Istituto;
  • al datore di lavoro se è lo stesso ad anticipare l’indennità che lo comunicherà a INPS con il flusso Uniemens.

Il neo papà che voglia utilizzare i 7 giorni di congedo di paternità deve comunicarlo con 15 giorni di anticipo al datore di lavoro, e se in concomitanza della nascita il preavviso si calcola sulla data presunta del parto.

La comunicazione con le date entro le quali si vuole fruire del congedo di paternità deve avvenire in forma scritta se l’indennità viene anticipata dal datore di lavoro che la recupera a conguaglio.

Se la richiesta viene fatta a INPS allora il papà per ottenere il congedo di paternità per 7 giorni dovrà anche per il 2021 utilizzare il servizio dedicato sul sito di INPS, ma potrà farlo anche tramite Conctact center o patronato.

Per dettagli e conferme sul congedo di paternità 2021 toccherà attendere l’ufficialità del testo della Legge di Bilancio e indicazioni da INPS.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories