Comunicazione spese sanitarie: scadenza 31 gennaio 2018

Comunicazione spese sanitarie 2017 entro la scadenza del 31 gennaio 2018: ecco soggetti obbligati e dati da inviare al Sistema Tessera Sanitaria.

Comunicazione spese sanitarie: scadenza 31 gennaio 2018

Comunicazione spese sanitarie 2017: l’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria dovrà essere effettuato entro la scadenza del 31 gennaio 2018.

Si tratta di un adempimento introdotto al fine di consentire all’Agenzia delle Entrate di predisporre il modello 730 precompilato e i dati da comunicare sono quelli relativi alle spese sanitarie sostenute dai contribuenti nel corso del periodo d’imposta 2017.

Secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento, l’invio delle spese sanitarie deve essere effettuato entro la scadenza del 31 gennaio dell’anno d’imposta successivo a quello di riferimento.

Tra i soggetti obbligati a rispettare una delle scadenze più importanti di gennaio 2018, a seguito delle modifiche apportate dal DM del MEF del 1 settembre 2016, vi sono anche parafarmacie, veterinari e psicologi.

L’elenco completo dei soggetti tenuti ad effettuare la comunicazione delle spese sanitarie nel 2018 non ha subito modifiche e pertanto restano in vigore regole e modalità rese operative dallo scorso anno.

Di seguito tutte le istruzioni sulla corretta comunicazione delle spese sostenute nel 2017 al Sistema Tessera Sanitaria, i dati da trasmettere e l’elenco dei soggetti interessati dalla scadenza ormai imminente.

Comunicazione spese sanitarie: scadenza 31 gennaio 2018

La scadenza del 31 gennaio 2018 per la trasmissione dei dati delle spese sanitarie al sistema TS riguarda tutti i soggetti individuati dal Decreto attuativo del 1° settembre 2016 del MEF, sulla base di quanto previsto dall’articolo 3 del decreto legislativo n. 175 del 21 novembre 2014.

Nel dettaglio, sono tenuti ad effettuare la comunicazione delle spese sanitarie sostenute nel 2017 i seguenti soggetti:

  • aziende sanitarie locali;
  • aziende ospedaliere;
  • istituti di ricovero e cura a carattere scientifico;
  • policlinici universitari;
  • farmacie pubbliche e private;
  • presidi di specialistica ambulatoriale;
  • strutture per l’erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e di assistenza integrativa;
  • altri presidi e strutture accreditate per l’erogazione dei servizi sanitari;
  • strutture “autorizzate” all’erogazione dei servizi sanitari ancorché non accreditate con il SSN;
  • iscritti all’Albo dei medici chirurghi e degli odontoiatri;
  • strutture autorizzate per la vendita al dettaglio dei medicinali veterinari;
  • esercizi commerciali che svolgono l’attività di distribuzione al pubblico di farmaci;
  • esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico che hanno effettuato la comunicazione al Ministero della salute;
  • iscritti agli albi professionali, ovvero psicologi, infermieri, ostetriche ed ostetrici;
  • medici veterinari, tecnici sanitari di radiologia medica.

Dati spese sanitarie 2017 da trasmettere

I dati che i soggetti obbligati sopra elencati dovranno trasmettere e comunicare al sistema Tessera Sanitaria riguardano ricevute di pagamento, scontrini fiscali ed eventuali rimborsi relativi alle spese sanitarie sostenute da ciascun assistito secondo quanto previsto dal decreto MEF del 31 luglio 2015.

Nella comunicazione delle spese sanitarie sarà necessario indicare il codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria del contribuente per il quale, salvo opposizione, l’Agenzia delle Entrate predisporrà l’elenco delle spese detraibili nel modello 730 precompilato 2018.

Modalità di invio

L’invio della comunicazione dati spese sanitarie al sistema TS dovrà essere effettuato esclusivamente in modalità telematica.

Soggetti obbligati o intermediari abilitati dovranno accedere all’area riservata del sito Sistema TS con le apposite credenziali oppure, per soggetti abilitati, con gli identificativi Entratel o Siatel Punto Fisco.

In caso di mancato possesso delle credenziali richieste si potrà effettuare la registrazione inserendo tutte le informazioni relative a tipologia di richiedente e dati identificativi.

In merito ai soggetti di cui al DM 1 settembre 2016, si riportano di seguito alcuni chiarimenti su quali sono i dati obbligatori da inviare:

  • farmaci: spese relative all’acquisto di farmaci, anche omeopatici;
  • dispositivi medici con marcatura CE: spese relative all’acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura CE;
  • servizi sanitari erogati dalle parafarmacie: ad esempio spese relative ad eco-cardiogramma, spirometria, holter pressorio e cardiaco, test per glicemia, colesterolo e trigliceridi o misurazione della pressione sanguigna;
  • spese agevolabili solo a particolari condizioni: protesi e assistenza integrativa (acquisto o affitto di protesi - che non rientrano tra i dispositivi medici con marcatura CE - e assistenza integrativa);
  • altre spese sanitarie.

Per quanto riguarda invece le spese veterinarie sarà obbligatoria la trasmissione di quelle relative ad animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva.

In merito alle modalità tecniche di compilazione e trasmissione al sistema TS i lettori possono far riferimento al DM 31 luglio 2015 di seguito allegato:

Spese sanitarie 730 precompilato, specifiche tecniche - DM 31/07/2015
Clicca per scaricare specifiche tecniche e istruzioni per l’invio delle spese sanitarie al sistema Tessera Sanitaria entro il 31 gennaio 2017.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Modello 730 precompilato

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

Modello 730/2018: istruzioni e scadenza

Modello 730/2018: istruzioni e scadenza

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

4 giorni fa

Detrazioni modello 730/2018: spese ammesse e novità

Detrazioni modello 730/2018: spese ammesse e novità

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

2 mesi fa

Agenzia delle Entrate: addio alla dichiarazione dei redditi entro il 2022?

Agenzia delle Entrate: addio alla dichiarazione dei redditi entro il 2022?

Commenta

Condividi