Come prendere la licenza tabacchi per aprire una tabaccheria

Per vendere le sigarette - e altri articoli per fumatori - nel proprio bar è necessario chiedere la licenza tabacchi all’AAMS, utile per chi vuole aprire una tabaccheria.

Come prendere la licenza tabacchi per aprire una tabaccheria

Aprire una tabaccheria negli anni passati era considerata un’attività particolarmente redditizia ed effettivamente i guadagni di questi esercizi commerciali erano piuttosto alti.

Oggi però non è più così dal momento che non esiste più il monopolio sul sale e che dalla vendita dei soli tabacchi non si ricava abbastanza per mandare avanti l’attività e far fronte ai costi di gestione. Ecco perché al giorno d’oggi chi apre una tabaccheria solitamente la abbina ad un’attività secondaria, quale potrebbe essere un bar oppure un’edicola.

Aprire una tabaccheria all’interno di un bar è un ottimo modo per incrementare i guadagni poiché solitamente i clienti che entrano per acquistare sigari e sigarette fanno altri acquisiti e utilizzano i servizi offerti dal locale.

Ecco perché chi ha un bar solitamente vorrebbe prendere la licenza tabacchi così da poter vendere liberamente prodotti come le sigarette che attraggono i clienti.

Prendere la licenza tabacchi e aprire una tabaccheria, però, non è semplice poiché ci sono dei requisiti da soddisfare legati alla distanza dalle altre attività simili e dalla produttività di quest’ultime.

Ecco perché spesso c’è chi preferisce acquistare la licenza da un’attività già esistente; il problema è che in tal caso il costo non è particolarmente conveniente perché difficilmente c’è chi si libererà della propria licenza per meno di 100-150mila euro.

Di seguito trovate tutte le istruzioni utili per ottenere la licenza direttamente dall’AAMS (Agenzie delle Dogane e dei Monopoli) così da avviare la vostra attività commerciale e vendere sigarette, sigari e articoli per fumatori con un investimento contenuto.

Quando viene rilasciata la licenza tabacchi?

Prima di vedere a chi richiedere la licenza tabacchi è meglio approfondire i requisiti necessari affinché questa venga rilasciata.

Come anticipato il primo requisito da soddisfare è la distanza, poiché lo Stato non rilascia la licenza a due imprese commerciali che sono molto vicine tra di loro. Ecco perché per avere possibilità di rilascio della licenza tabacchi è necessario soddisfare le seguenti distanze dal rivenditore più vicino:

  • 300 metri: per Comuni con meno di 30.000 abitanti;
  • 250 metri: per i Comuni con popolazione compresa tra 30.000 e 100.000 abitanti;
  • 200 metri: per Comuni con più di 100.000 abitanti.

Per quanto riguarda i Comuni con pochi abitanti c’è un altro requisito da soddisfare: ci può essere una tabaccheria ogni 1.500 cittadini. Quindi una piccola cittadina di 3.000 anime non può avere più di due tabaccherie; l’unica eccezione è rappresentata da una nuova tabaccheria che disti almeno 600 metri da quelle di precedente apertura.

C’è poi un altro requisito da rispettare, legato alla produttività. In poche parole prima di concedere la licenza tabacchi lo Stato si accerta che la nuova attività abbia sufficienti probabilità di guadagno. D’altronde se i ricavi delle tabaccherie già esistenti nella zona è basso non ci sarebbe alcun motivo per aprirne di ulteriori.

Nel dettaglio, la licenza viene concessa solo quando l’aggio (ovvero la quarta parte del ricavo netto) delle tre tabaccherie più vicine a quella di nuova apertura (ossia quelle che distano meno di 600 metri) è pari o superiore a:

  • 19.965€: Comuni con meno di 30.000 abitanti;
  • 31.990€: Comuni con popolazione compresa tra 30.000 e 100.000 abitanti;
  • 39.825€: Comuni con più di 100.000 abitanti.

Questo requisito però può essere aggirato qualora tra la tabaccheria esistente e quella di nuova apertura ci siano almeno 600 metri di distanza.

Come chiedere la licenza tabacchi?

Quindi il primo passo da fare quando si vuole ottenere la licenza tabacchi è trovare un locale che soddisfi le suddette condizioni; dopodiché potete compilare il modello scaricabile di seguito ed inviarlo all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli competente sul vostro territorio.

Modello per la richiesta della licenza tabacchi
Clicca qui per scaricare il modello da compilare e inviare all’AAMS per la richiesta della licenza tabacchi.

La domanda va inviata entro il 31 marzo di ogni anno e deve essere compilata indicando le proprie generalità e recapiti, la localizzazione della tabaccheria e l’ubicazione di almeno altre tre attività simili situate nelle vicinanze, in modo che l’AAMS possa avere tutte le informazioni utili per valutare l’istanza.

Come viene concessa la licenza?

Una volta ricevuta la domanda, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli valuta che nella richiesta vengano soddisfatti tutti i requisiti suddetti. Dopodiché ogni 6 mesi con tutte le domande accolte viene stilato un piano provvisorio delle nuove aperture che poi sarà pubblicato sul sito istituzionale.

Dopo la pubblicazione gli interessati hanno tempo 20 giorni per fare delle eventuali osservazioni; scaduto questo termine l’Agenzia pubblica il piano definitivo annunciando le zone nelle quali è possibile acquisire la licenza tabacchi.

Arrivati a questo punto l’iter non è ancora concluso perché chiunque abbia un edificio nella zona indicata come adeguata per l’apertura di una nuova tabaccheria può candidarsi per l’assegnazione.

Nel caso dei Comuni con più di 30.000 abitanti l’assegnazione avviene tramite asta pubblica alla quale possono partecipare tutti coloro che hanno un locale nella zona e sono interessati ad aprire una tabaccheria.

Nei Comuni meno popolosi, invece, l’assegnazione avviene tramite concorso nel quale vengono preferiti i profughi che hanno ottenuto una licenza equivalente nei territori d’origine, gli invalidi (e le vedove) di guerra e gli invalidi per causa di lavoro.

A parità di titoli si dà la preferenza a chi ha il maggior carico familiare, mentre in caso di ulteriore parità è l’AAMS a decidere qual è il locale più idoneo al quale assegnare la licenza.

Qualora non ci sia una pluralità di richieste l’AAMS potrà procedere con l’assegnazione tramite trattativa privata con l’unico soggetto interessato.

Per ottenere la licenza tabacchi quindi c’è un lungo e complesso iter da seguire che tra l’altro non si conclude con l’assegnazione. Una volta ricevuta la licenza, infatti, il titolare avrà il dovere di partecipare ad uno specifico corso di formazione.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Opportunità di lavoro

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.