“La Cina invaderà Taiwan”, avverte Anthony Blinken. Ma sarà così?

Lorenzo Bagnato

19/10/2022

19/10/2022 - 19:10

condividi

Il segretario di Stato americano è preoccupato che la Cina invada Taiwan molto presto. Gli Stati Uniti hanno già detto che sosterrebbero Taiwan, ma quanto siamo vicini alla guerra vera e propria?

“La Cina invaderà Taiwan”, avverte Anthony Blinken. Ma sarà così?

Un evento storico si sta attualmente svolgendo a Pechino. Il ventesimo Congresso del Partito Comunista Cinese (Pcc) è iniziato e durerà per l’intera settimana. Si è aperto domenica con il discorso di due ore del presidente cinese Xi Jinping. Ha sostanzialmente confermato agli analisti che sarà nominato per un terzo mandato consecutivo, diventando così il leader cinese più importante dai tempi di Mao Zedong.

Le potenze occidentali, in particolare gli Stati Uniti, stanno seguendo nervosamente il Congresso. Tengono le orecchie aperte per ogni menzione a Taiwan, la principale agenda di politica estera cinese. Quello che hanno concluso, almeno alcuni di loro, è che la Cina invaderà Taiwan molto presto.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che l’unificazione con Taiwan sarà perseguita «molto più velocemente» ora che Xi Jinping sarà di nuovo presidente. Sotto il suo governo la Cina è diventata la seconda economia più grande del mondo, ma ha anche riaperto il dossier di Taiwan.

Questo è stato chiuso dal 1949, quando una “seconda Cina” è nata sull’isola di Taiwan in seguito alla guerra civile cinese. Mao Zedong aveva vinto sulla terraferma e i nazionalisti cinesi dovettero fuggire a Taiwan. Da allora hanno vissuto in uno stato di indipendenza, avvicinandosi sempre di più ai valori occidentali.

Ora che la Cina è ricca e potente, molti temono voglia fare i conti con Taiwan una volta per tutte. E questo significa invasione. O no?

Qual è la possibilità che la Cina invada Taiwan

Xi Jinping ha affermato nel discorso di domenica che la Cina «continuerà a lottare per la riunificazione pacifica con la massima sincerità e il massimo sforzo, ma non prometteremo mai di rinunciare all’uso della forza». Molti hanno visto quest’affermazione come una minaccia contro Taiwan e un possibile segno di imminente invasione. In effetti, negli ultimi anni la Cina ha aumentato delle esercitazioni militari all’interno dello spazio aereo e marittimo di Taiwan.

Ma gli esperti si sono precipitati a calmare gli animi. «Non credo proprio che i cinesi siano molto ansiosi di iniziare qualcosa per riunificare Taiwan con la forza, perché se inizi devi vincere». Queste le parole di Bilahari Kausikan, ex segretario permanente del ministero degli Esteri di Singapore.

Altri hanno sottolineato che l’invasione russa dell’Ucraina ha mostrato a Xi Jinping che un attacco non è un’opzione praticabile. In questo caso in particolare, gli Stati Uniti hanno già giurato fedeltà a Taiwan, dicendo che sarebbero intervenuti in caso di invasione.

Un’invasione militare di Taiwan non porterebbe Pechino da nessuna parte. Taiwan, a differenza dell’Ucraina, ha già un esercito moderno, ed è un’isola: non esiste un ponte terrestre tra i due Stati. Un esercito invasore potrebbe essere individuato facilmente da Taiwan, che prenderebbe misure molto prima che possa avvenire qualsiasi sbarco. E sarebbero supportati dal esercito più forte del pianeta.

Con quel discorso, Xi Jinping ha voluto esprimere che Taiwan è un problema interno in Cina. Secondo Pechino, l’interferenza di forze esterne non può essere tollerata. Ma, siamo onesti, cosa possono davvero fare al riguardo?

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il giorno 2022-10-18 15:16:12. Titolo originale: China will invade Taiwan, Anthony Blinken warns. But will they?

Argomenti

# Taiwan
# Guerra

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO