Cina crolla nei mercati: tensione alta con gli Usa

Violetta Silvestri

2 Agosto 2022 - 08:32

condividi

Mercati asiatici scossi dal clima di guerra tra Cina e Usa: gli indici del dragone crollano alla notizia che Nancy Pelosi sarà a Taiwan tra oggi e domani. Pechino risponderà alla provocatoria mossa?

Cina crolla nei mercati: tensione alta con gli Usa

Mercati scossi dall’escalation di tensione Usa-Cina.

Le borse asiatiche crollano a causa del clima assai nervoso nei rapporti tra Pechino e Washington, dopo che la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi inizierà un viaggio a Taiwan, aumentando i timori per il rischio di una recessione globale.

I rendimenti dei titoli del Tesoro Usa a lungo termine scendono al minimo di quattro mesi, facendo indebolire il dollaro Usa, tra le crescenti preoccupazioni per un rallentamento economico globale, rischi che hanno sostenuto la domanda di paradisi come i Treasury.

Riflettori accesi sulla geopolitica nei mercati globali: la situazione precaria e preoccupante delle relazioni tese tra Cina e Usa si aggiunge alla complessa tela che gli stati occidentali stanno tessendo contro la Russia in guerra.

Cina affonda in Borsa: si prepara alla guerra contro gli Usa?

La geopolitica si riprende la scena finanziaria e minaccia la catastrofe. La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi sbarcherà a Taiwan oggi, come il politico americano di grado più alto che torna a visitare il territorio in 25 anni. La Cina vede l’isola come una parte del suo Stato e ha avvertito che ci saranno conseguenze se ci sarà davvero il viaggio.

La visita potrebbe finire per essere “un’altra distorsione a breve termine per i mercati”, ma è sempre “preoccupante quando accadono questi fatti”, ha detto a Bloomberg Radio Ayako Yoshioka, consulente senior di portafoglio presso Wealth Enhancement Group.

Le tensioni ad ampio raggio nei legami Usa-Cina stanno esacerbando lo stress geopolitico che già sta colpendo i mercati con la guerra russa in Ucraina.

“Tutti gli occhi saranno puntati sull’esercito cinese per vedere come reagirà se Pelosi andrà davvero a Taiwan”, ha scritto in una nota Edward Moya, analista di mercato senior per le Americhe di Oanda.

Intanto, gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai segnano tonfi rispettivamente di 1,57% e 1,66% mentre si scrive e la piazza di Hong Kong perde il 2,3%.

Il rendimento di riferimento del Tesoro USA a 10 anni è sceso al 2,53% nel commercio di Tokyo, il più basso dal 5 aprile, nonostante le scommesse che il rallentamento potrebbe spingere la Federal Reserve statunitense ad allentare l’inasprimento delle politiche. Le obbligazioni hanno anche beneficiato della domanda di beni rifugio prima della visita di Pelosi a Taiwan.

Ciò ha aiutato il biglietto verde a scendere fino a 130,40 yen per la prima volta dal 6 giugno. L’euro è balzato fino a $1,0294, un livello che non si vedeva dal 5 luglio.

Argomenti

# Borse
# Taiwan
# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.