Cessione del credito, sblocco dei crediti da un’altra banca

Nadia Pascale

28 Giugno 2023 - 10:24

Arrivano ulteriori 200 milioni di euro per le operazioni di cessione del credito per i bonus edilizi. Ecco a chi saranno diretti e come saranno gestite le operazioni.

Cessione del credito, sblocco dei crediti da un’altra banca

La Banca Monte dei Paschi di Siena ha deciso di sbloccare un contro valore di 200 milioni di euro per i crediti incagliati da cessione del credito.
Le operazioni saranno rivolte alla ricostruzione del Centro Italia colpito dal sisma del 2016.
Di seguito i dettagli per accedere al beneficio.

Monte dei Paschi di Siena pronta a sbloccare 200 milioni di euro con la cessione del credito

Il decreto Cessioni del mese di febbraio 2023 ha messo in difficoltà numerose imprese edili e molti proprietari. Molte imprese edili denunciano di essere a rischio fallimento a causa dei crediti incagliati.

Buone notizie arrivano solo da qualche banca e dopo le dichiarazioni di banca Intesa che ha deciso di continuare con la ricessione dei crediti acquistati (valutati dalla società Deloitte) in modo da liberare ulteriore capienza fiscale e continuare con le operazioni di cessione dei crediti incagliati, si unisce anche Monte dei Paschi di Siena con un accordo del valore di 200 milioni di euro. Ecco a chi saranno diretti.

Ridotta l’esposizione finanziaria delle imprese con la cessione del credito

Ad annunciare l’arrivo di questo plafond è il Commissario alla Riparazione e Ricostruzione Sisma 2016, Guido Castelli, in base all’accordo siglato con Monte dei Paschi di Siena, le risorse messe a disposizione saranno dirette all’acquisto dei crediti legati all’utilizzo del Supersismabonus 110% nei cantieri della ricostruzione del Centro Italia.

Le operazioni saranno dirette alla ricostruzione di edifici privati nelle zone colpite dal sisma del 2016, cioè Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. Dobbiamo ricordare che per il Sisma Bonus è prevista la proroga dello sconto in fattura e cessione del credito fino al 2025.
Potranno accedere a queste risorse le imprese iscritte all’Anagrafe Antimafia degli esecutori, istituita con l’articolo 30 del decreto 189 del 2016. Questa ha l’obiettivo dichiarato di prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata negli interventi di ricostruzione post sisma nelle aree del Centro Italia.

Monte dei Paschi di Siena con la messa a disposizione di un plafond di 200 milioni di euro per la cessione dei crediti, aiuta le imprese e ridurre l’esposizione finanziaria e consente di continuare i lavori di ricostruzione delle zone colpite dal sisma del 2016.

Il Commissario Guido Castelli, nel dare notizia dello sblocco della cessione del credito, sottolinea come questo possa essere considerato un primo passo importante per smuovere una situazione di stallo che stava diventando eccessivamente pesante da gestire e che aveva bloccato i lavori di ricostruzione nel settore privato a causa del blocco delle cessioni.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it