Certificazione Unica 2023: scadenza per l’invio, istruzioni e novità

Rosaria Imparato

17 Gennaio 2023 - 17:57

condividi

Certificazione unica, quali novità per il 2023? Pronto il modello dall’Agenzia delle Entrate: vediamo le istruzioni e le scadenze da rispettare.

Certificazione Unica 2023: scadenza per l'invio, istruzioni e novità

Il modello di certificazione unica 2023 (l’ex Cud) è pronto, insieme alle istruzioni per la compilazione. L’Agenzia delle Entrate ne aveva pubblicato la versione in bozza il 15 dicembre, e dopo poco più di un mese c’è la versione definitiva. Per la precisione, ad approvare modello e istruzioni è stato il provvedimento del 17 gennaio 2023.

Non cambia la scadenza per l’invio all’Agenzia: il documento va trasmesso all’Amministrazione Finanziaria entro il 16 marzo. Vediamo quali sono le novità per il modello Cu 2023.

Certificazione Unica 2023: le scadenze per l’invio

La certificazione unica è un documento fondamentale ai fini della dichiarazione dei redditi, che va consegnato ogni anno ai lavoratori. I datori di lavoro lo consegnano ai propri dipendenti, e l’Inps fa la stessa cosa verso i pensionati e i titolari di altre prestazioni.

Di seguito, il modello ordinario di Cu:

Modello Ordinario CU 2023
Clicca qui per scaricare il file.

Qui, invece, il modello sintetico di Cu:

Modello Sintetico CU 2023
Clicca qui per scaricare il file.

Per il datore di lavoro, sostituto d’imposta, l’invio telematico del modello CU è obbligatorio, ma secondo due diverse scadenze. La consegna al percipiente va effettuata per tutti entro la stessa data, mentre la scadenza per l’invio telematico cambia in base al rapporto di lavoro intercorso nell’anno.

Nel 2023 l’invio per i dipendenti e per i pensionati va fatto entro il 16 marzo (ed entro la stessa data va fatta la trasmissione all’Agenzia delle Entrate), mentre per le somme corrisposte ai lavoratori autonomi la trasmissione telematica può essere effettuata entro la stessa scadenza del modello 770, fissata come di consueto al 31 ottobre.

Le novità della CU 2023

La CU 2023 ha dovuto tener conto delle novità introdotte nel 2022. Le principali novità riguardano il bonus benzina e la diversa attribuzione delle detrazioni per i figli a carico con l’arrivo dell’assegno unico:

  • per quanto riguarda il bonus benzina, la somma è esente fino a un massimo di 200 euro per lavoratore;
  • sono cambiati i criteri per l’attribuzione delle detrazioni per i familiari, e dunque è stato aggiornato il prospetto dei familiari a carico;
  • nel 2022 sono cambiate anche le modalità di attribuzione del trattamento integrativo previsto in caso di imposta lorda superiore alla detrazione spettante, riconosciuto per i redditi non superiori ai 15mila euro ma attribuibile, in presenza di determinati requisiti, per i redditi fino a 28mila euro;
  • nella sezione relativa alla contribuzione alla previdenza complementare è stato precisato che, da quest’anno, nella stessa dovranno essere riportati anche i dati relativi ai contributi versati ai sottoconti italiani di prodotti pensionistici individuali paneuropei (Pepp) di cui al regolamento Ue 2019/1238, come stabilito dal Dlgs n. 114/2022. Lo stesso inserimento è stato effettuato anche nella sezione “redditi assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta”, perché la norma fa riferimento anche alle stesse prestazioni pensionistiche, erogate sotto forma di rendita e di capitale;
  • un nuovo codice, con relative annotazioni, è stato inserito per individuare la quota esente dei redditi corrisposti ai docenti e ricercatori, rientrati in Italia prima del 2020 e che al 31 dicembre 2019, hanno esercitato l’opzione per aderire al regime previsto dall’articolo 44, del Dl n.78/2010;
  • un codice ad hoc è stato inserito nella sezione redditi esenti, per individuare le somme percepite dal lavoratore con disturbi dello spettro autistico, assunto dalla start-up a vocazione sociale, che non concorrono alla formazione del suo reddito imponibile complessivo;
  • infine, è stato aggiornato il set informativo, presente nelle annotazioni, relativo alla detrazione spettante per canoni di locazione per un importo pari al 20% dell’ammontare del canone di locazione e, comunque, entro il limite massimo di 2mila euro.

Certificazione Unica 2023: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

Come viene specificato dalle istruzioni il flusso telematico da inviare all’Agenzia si compone:

  • Frontespizio nel quale vengono riportate le informazioni relative al tipo di comunicazione, ai dati del sostituto, ai dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all’impegno alla presentazione telematica;
  • Quadro CT nel quale vengono riportate le informazioni riguardanti la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate;
  • Certificazione Unica 2023 nella quale vengono riportati i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati fiscali relativi alle certificazioni dei redditi relativi alle locazioni brevi.
Istruzioni per la compilazione della CU 2023
Clicca qui per scaricare il file.

Il flusso deve essere presentato esclusivamente per via telematica e può essere trasmesso direttamente dal soggetto tenuto ad effettuare la comunicazione oppure tramite un intermediario abilitato. Il documento si considera presentato nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate. La prova della presentazione del flusso è data dalla comunicazione attestante l’avvenuto ricevimento dei dati, rilasciata per via telematica.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it