Cedolare secca: come e quando si paga

Cedolare secca: come e quando si paga? Ecco le istruzioni per pagare l’imposta agevolata sugli affitti in vista della scadenza del 30 novembre 2018. Il pagamento è a rate o in unica soluzione, a seconda dell’importo.

Cedolare secca: come e quando si paga

Come e quando si paga la cedolare secca? In vista della scadenza del secondo acconto fissata al 30 novembre 2018, è utile fornire le istruzioni per il pagamento della tassa agevolata sugli affitti degli immobili ad uso abitativo.

La cedolare secca sugli affitti ha le stesse scadenze e modalità di pagamento dell’Irpef, con la differenza che se si opta per la tassazione agevolata al momento della stipula del contratto il proprietario non deve pagare l’imposta di registro né l’imposta di bollo.

Manca poco al 30 novembre 2018 che oltre ad essere l’ultimo giorno utile per il pagamento del secondo acconto della cedolare secca sugli affitti, si ricorda che è anche la data di scadenza per versare le imposte collegate alla dichiarazione dei redditi.

Ecco come e quando pagare la cedolare secca entro la data di scadenza.

Cedolare secca sugli affitti: come e quando si paga

Per pagare la cedolare secca sugli affitti bisogna affrettarsi ed effettuare il versamento dell’importo dovuto entro la scadenza del 30 novembre 2018, ultimo giorno utile anche per il pagamento dell’Irpef.

A seconda dell’importo la cedolare secca deve essere pagata in un’unica soluzione entro la data di scadenza sopracitata oppure è il pagamento è suddiviso in due rate da versare rispettivamente entro il 30 giugno e il 30 novembre di ogni anno.

A tal proposito si ricorda che se l’importo è inferiore a 257,52 euro la cedolare secca deve necessariamente essere pagata in un’unica soluzione, invece per importi superiori a tale cifra il pagamento può essere rateizzato in due acconti.

Ecco quando pagare nel caso di pagamento in rate:

  • con la prima rata, da versare entro il 30 giugno, si deve pagare il 40% del 95% dell’importo;
  • con la seconda rata, con scadenza il 30 novembre, va pagato il restante 60%.

Rispetto alla tassazione ordinaria, la cedolare secca è più conveniente, in quanto oltre ad applicare l’aliquota fissa del 21% o del 10% sui redditi da locazione comprende anche l’imposta di bollo e l’imposta di registro.

Si ricorda infine che la cedolare secca sugli affitti va pagata a partire dal secondo anno dato che per il primo anno non è possibile stabilire l’importo dovuto.

Cedolare secca: come si paga? Istruzioni per il pagamento con modello F24

La cedolare secca sugli affitti va pagata con il modello F24 e utilizzando gli appositi codici disposti dall’Agenzia delle Entrate.

I codici da utilizzare per il pagamento della cedolare secca sugli affitti, tramite modello F24 sono i seguenti:

  • 1840: Cedolare secca locazioni - Acconto prima rata;
  • 1841: Cedolare secca locazioni - Acconto seconda rata o unica soluzione;
  • 1842: Cedolare secca locazioni - Saldo.

Cedolare secca: modello e istruzioni per la registrazione e le modifiche

I proprietari che intendono affittare un immobile fruendo della tassazione agevolata prevista dalla cedolare secca o comunicare delle modifiche, devono farlo inviando apposito modulo all’Agenzia delle Entrate.

Il modello RLI serve per fare domanda alle Entrate di Registrazione dei contratti di Locazione e affitto di Immobili, comunicando i dati catastali dell’immobile che si intende affittare.

Inoltre il modello RLI può essere utilizzato anche per richiedere la revoca della cedolare secca o comunicare eventuali modifiche come proroghe, cessioni, risoluzioni o subentri.

Ecco di seguito il modulo e le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate.

Agenzia delle Entrate - modello RLI
Il modello RLI disposto per la richiesta di registrazione e adempimenti successivi per i contratti di locazione e affitto di immobili.
Agenzia delle Entrate - istruzioni per la compilazione del modello RLI
Le istruzioni per la compilazione del modello RLI per la richiesta di registrazione e adempimenti successivi per i contratti di locazione e affitto di immobili.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Cedolare secca

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.