Case green, entro che anno si è costretti a ristrutturare? Tutte le scadenze

Patrizia Del Pidio

7 Giugno 2024 - 14:22

Entro ch data saremo costretti a ristrutturare le case per essere in linea con quanto stabilito dalla direttiva case green? Vediamo il calendario con le scadenze.

Case green, entro che anno si è costretti a ristrutturare? Tutte le scadenze

La direttiva case green è entrata in vigore ufficialmente il 28 maggio 2024. Quello che preme maggiormente agli italiani che possiedono un immobile è sapere entro che anno saranno costretti a ristrutturare per rendere la propria casa “a norma”. L’obiettivo è quello di ridurre il consumo energetico e le emissioni di gas per tutti gli immobili con il raggiungimento delle emissioni zero entro una data specifica.

Mentre per le nuove costruzioni sarà richiesto fin da subito essere a emissioni zero, per gli edifici già esistenti si punta al miglioramento energetico abbastanza graduale.

Ogni Stato membro dell’UE deve redigere un Piano nazionale di ristrutturazione in cui indicare anche la tabella di marcia delle riqualificazioni. Il piano deve essere pronto entro il 31 dicembre 2026 e, quindi, ancora non sappiamo quale saranno le scadenze fissate dall’Italia per i proprietari di immobili. Possiamo, però, vedere il calendario delle scadenze previsto proprio dalla direttiva case green per capire quando e se saremo costretti a ristrutturare la nostra casa.

Case green, il calendario con le scadenze

La prima scadenza importante per le case green è fissata al 1° gennaio 2025: da quella data scatteranno gli stop a qualsiasi tipo di agevolazione per l’acquisto e l’installazione di caldaie alimentate a combustibili fossili (no ibridi). La scadenza successiva è quella del 31 dicembre 2026, data entro la quale l’Italia dovrà redigere un Piano Nazionale di ristrutturazione degli edifici.
A partire dal 31 dicembre 2026, inoltre, è necessario procedere a installare impianti solari su tutti i nuovi edifici pubblici e non residenziali con superficie superiore a 250m.

Dal 1° gennaio 2027 sarà necessario installare almeno una colonnina di ricarica per le auto elettriche ogni 10 posti auto per gli edifici non residenziali che abbiano più di 20 posti auto.

Da 31 dicembre 2027, invece, si dovrà provvedere a:

  • installare impianti solari su tutti i nuovi edifici pubblici e non residenziali con superficie superiore a 2000m;
  • installare impianti solari su edifici non residenziali esistenti con superficie superiore 500m in caso di ristrutturazione importante.

Dal 1° gennaio 2028 è necessario provvedere al raggiungimento di emissioni zero per tutti gli edifici nuovi di proprietà della pubblica amministrazione.

Dal 31 dicembre 2028, invece, l’obbligo prevede:

  • installazione di impianti solari su edifici pubblici con superficie superiore a 750m;
  • installazione di impianti solari su nuovi edifici residenziali.

Dal 31 dicembre 2029 sarà richiesta:

  • installazione di impianti solari su edifici pubblici con superficie superiore a250m;
  • installazione di impianti solari su nuovi parcheggi coperti adiacenti agli edifici

Dal 1° gennaio 2030 bisognerà raggiungere le emissioni zero per tutti gli edifici nuovi e dal 31 dicembre 2030 è richiesta una riduzione di almeno il 16% sul consumo medio di energia primaria per tutti gli edifici residenziali.

Cosa accade dopo il 2030?

Le scadenze proseguono anche dopo il 2030, richiedendo anche un impegno maggiore.

Dal 31 dicembre 2033 almeno il 26% degli edifici non residenziali che ricadono nelle classi energetiche peggiori dovranno risultare ristrutturati.

A partire dal 31 dicembre 2035, invece, è richiesta una riduzione di almeno il 20/22% del consumo medio di energia primaria per tutti gli edifici residenziali.

Dal 31 dicembre 2040, invece, si dirà definitivamente addio alle caldaie a combustibile fossile perché proprio entro questa data dovranno essere completamente eliminate.

Dal 1° gennaio 2050 la direttiva casa green dovrebbe essere stata completata con l’intero parco immobiliare di ogni Paese decarbonizzato e ad alta efficienza energetica.

Iscriviti a Money.it

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo