Reddito di cittadinanza, truffa carta clonata: come difendersi per non perdere tutto

Antonio Cosenza

29/04/2020

12/04/2021 - 15:29

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Reddito di cittadinanza: ad Agrigento sospetti casi di clonazione della carta. Come difendersi per non perdere tutto?

Reddito di cittadinanza, truffa carta clonata: come difendersi per non perdere tutto

Reddito di cittadinanza, è allarme per una nuova truffa: la carta clonata con conseguente sparizione di tutti i soldi accreditati.

Nonostante il periodo che stiamo vivendo, non si fermano le truffe ai danni dei cittadini. Come potrebbe succedere per chi paga con carta di credito o prelevando dal Bancomat, anche chi utilizza la carta acquisti dove mensilmente vengono erogate le somme del reddito di cittadinanza si espone al rischio clonazione della carta.

Una tecnica a cui potrebbe ricorrere un malvivente esperto di tecnologia per sottrarre dal duplicato della carta clonata tutti i soldi accreditati sulla stessa. È quanto successo in queste ore ad alcuni percettori del reddito di cittadinanza che dichiarano di aver visto sparire tutti i soldi accreditati sulla loro carta.

Anche la carta RdC può essere clonata?

Una nuova truffa spaventa i beneficiari del reddito di cittadinanza: quanto successo ad Agrigento dimostra che anche la carta di Poste Italiane può essere clonata. D’altronde non avevamo dubbi sul fatto che anche questa carta, nonostante i più avanzati sistemi di sicurezza messi in atto da Poste, potesse essere potenzialmente soggetta a clonazione, tuttavia fino ad oggi non c’erano casi dimostrati.

Sembra però che in questi giorni ci siano diversi casi di clonazione della carta ad Agrigento. Nel dettaglio, qui sia un uomo che una donna - entrambi percettori del reddito di cittadinanza - lamentano la clonazione della loro carta: in poche ore, infatti, questi hanno visto sparire l’intero importo accreditato solo qualche giorno fa.

Ovviamente non si hanno prove certe sul fatto che effettivamente si sia trattato di clonazione della carta, visto che a dimostrazione di ciò abbiamo solamente la testimonianza degli agrigentini. Tuttavia, questi hanno presentato due distinte denunce alle autorità, le quali adesso avranno il compito di indagare se effettivamente si è trattato di clonazione della carta reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: come verificare se la carta è stata clonata

Il metodo migliore per verificare un’eventuale clonazione della carta reddito di cittadinanza è quello di controllare con cura, e abbastanza frequentemente, il proprio estratto conto. Ricordiamo che il saldo si può fare:

  • presso gli ATM Postamat;
  • tramite il servizio di lettura telefonica disponibile al numero verde 800.666.888 gratuito da telefono fisso e mobile.

Inoltre, il saldo si può consultare - ma solo per coloro che hanno fatto domanda online, dal sito ufficiale del reddito di cittadinanza (dalla propria area personale).

Cosa fare allora se ci si rende conto che ci sono delle spese fatte a vostra insaputa? Come prima cosa verificate che non sia colpa di altri componenti della famiglia che potrebbero aver avuto accesso alla carta; dopodiché per mettere a riparo le altre somme sarà necessario effettuare il blocco della carta, telefonando dall’Italia al numero gratuito 800.666.888 (oppure dall’Estero al numero +39.02.82.44.33.33).

A questo punto fate denuncia contro ignoti alle autorità, le quali cercheranno di fare chiarezza sull’accaduto. Solo in caso di accertamento della clonazione della carta si potrà avere diritto al rimborso delle spese prelevate.

Iscriviti alla newsletter