Brasile: contagi record ma restrizioni allentate

Marco Ciotola

13 Aprile 2021 - 17:18

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Situazione contagi fuori controllo in Brasile, che segna il record di decessi nelle 24 ora ma paradossalmente allenta le restrizioni. Lo scenario

Brasile: contagi record ma restrizioni allentate

Situazione coronavirus che continua a sembrare del tutto fuori controllo in Brasile.
La scorsa settimana il Paese ha segnato un altro triste record, con 4.195 decessi da covid in appena 24 ore.

Tra San Paolo e Rio de Janeiro, le città più colpite, i nuovi contagi giornalieri sono ancora altissimi, ma paradossalmente le misure restrittive sono state alleggerite a partire dalla giornata di ieri.

San Paolo ha infatti riaperto le scuole statali, fatto ripartire gli eventi sportivi e diverse categorie di negozi al pubblico, mentre Rio de Janeiro ha concesso a bar e ristoranti di riprendere con la loro attività, mettendo fine a restrizioni che erano in vigore da marzo.

Le autorità di San Paolo giustificano la riapertura sottolineando che il tasso di occupazione nelle unità di terapia intensiva dello Stato è sceso dal 90,5% all’88,6%, una spiegazione che lascia però molti dubbi nella stessa opinione pubblica.

Brasile: contagi record ma restrizioni allentate

Secondo il vicegovernatore Rodrigo Garcia i dati sul tasso di occupazione delle terapie intensive sono la dimostrazione che “lo sforzo fatto nelle ultime settimane sta iniziando a dare risultati”.

Ma dichiarazioni del genere stonano non poco rispetto a contagi giornalieri che continuano a segnare una quota media giornalieri che si aggira sui 20.000 casi. complice in parte anche la cosiddetta variante brasiliana.

Inoltre a Rio de Janeiro il tasso di occupazione in terapia intensiva supera il 92%, eppure il sindaco ha deciso di allentare le restrizioni, segnalando la mossa come imposta da una “realtà che non consente il lockdown”.

Ma l’allentamento delle restrizioni è la misura esattamente opposta a quello che molti istituti ospedalieri e figure mediche locali si aspettavano, vale a dire un lockdown nazionale generalizzato.

Va infatti evidenziata una situazione vaccini che non permette affatto rilassamenti: al momento il Brasile ha vaccinato solo il 2,8% della popolazione, vale a dire poco più di 6 milioni di persone, in un paese che conta una popolazione pari a 210 milioni di persone.

Uno scenario che vede i sistemi sanitari pubblici e privati in enorme difficoltà, con un tasso di occupazione di terapie intensive praticamente mai inferiore al 90%.

In più farmaci e strumentazione medica per l’intubazione e la fornitura d’ossigeno scarseggiano e non è raro che si esauriscano nel bel mezzo di un’emergenza.

Intanto marzo ha segnato il mese peggiore da inizio pandemia, con 66.573 morti registrati secondo la Oswaldo Cruz Foundation.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter