Bonus librerie 2018: domande entro il 30 settembre, pubblicato il decreto attuativo

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo del bonus librerie: bisognerà presentare domanda entro il 30 settembre 2018 per beneficiare del credito d’imposta.

Bonus librerie 2018: domande entro il 30 settembre, pubblicato il decreto attuativo

Prende il via il bonus librerie: è stato finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 7 giugno 2018 il decreto attuativo sul credito d’imposta introdotto dalla scorsa Legge di Bilancio.

L’agevolazione, riconosciuta sia alle librerie indipendenti che a quelle appartenenti a gruppi editoriali, consente di beneficiare di uno sconto, nella forma di credito d’imposta, sia sulle spese per l’affitto sostenute che per l’eventuale mutuo, ovvero per IMU, TASI e TARI e per i contributi versati in favore dei dipendenti.

Per richiedere il bonus librerie 2018 sarà necessario presentare apposita domanda entro il 20 settembre, data che dovrà esser rispettata per tutti gli anni in cui si intende fruire del credito d’imposta.

Alle librerie indipendenti l’importo del tax credit riconosciuto sarà pari ad un massimo di 20.000 euro somma che, per le librerie appartenenti o gestite da gruppi editoriali sarà dimezzato.

Bonus librerie 2018: chi ne ha diritto

Potranno beneficiare del bonus librerie tutti gli esercenti attività librarie, sia che si tratti di piccoli negozi indipendenti che di esercizi commerciali affiliati a grandi gruppi.

A fare la differenza sarà l’importo di credito d’imposta riconosciuto, calcolato in base al fatturato annuo derivante dalla vendita di libri. Al netto di ciò, aspetto sul quale si tornerà meglio di seguito, nel decreto attuativo sul credito d’imposta pubblicato in GU del 7 giugno 2018 sono contenute tutte le istruzioni necessarie.

A partire da quali sono le spese per le quali sarà possibile richiedere il riconoscimento del bonus:

  • Imposta municipale unica - IMU;
  • Tributo per i servizi indivisibili - TASI;
  • Tassa sui rifiuti - TARI;
  • imposta sulla pubblicità;
  • tassa per l’occupazione di suolo pubblico;
  • spese per locazione, al netto IVA;
  • spese per mutuo;
  • contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente.

Al fine della determinazione di quali spese daranno diritto al contributo, il provvedimento stabilisce che bisognerà far riferimento alla quota di spesa sostenuta nell’anno precedente che, per l’anno in corso, è il 2017.

Si allega di seguito il decreto pubblicato in GU del 7 giugno 2018 per maggiori dettagli:

Decreto attuativo bonus librerie 2018
Scarica il decreto attuativo sul credito d’imposta pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 7 giugno 2018

Importo del bonus e come fare il calcolo

In allegato al decreto attuativo, nella Gazzetta Ufficiale del 7 giugno 2018 è stata pubblicata la tabella con i massimali di costi relativi a ciascuna categoria di spesa per la quale è riconosciuto il credito d’imposta:

ParametroMassimale in euro
Imposta municipale unica - IMU 3.000
Tributo per i servizi indivisibili - TASI 500
Tassa sui rifiuti - TARI 1.500
imposta sulla pubblicità 1.500
tassa per l’occupazione di suolo pubblico 1.000
spese per locazione, al netto IVA 8.000
spese per mutuo 3.000
contributi previdenziali e assistenziali per il personale dipendente 8.000

Il calcolo dell’importo di bonus riconosciuto dovrà essere effettuato sulla base di quanto fatturato dalla libreria (relativo alla vendita di libri) e gli importi verranno ripartiti in percentuali come di seguito riportato:

Scaglioni di fatturato annuo derivante dalla vendita di libri, con riferimento all’anno precedentePercentuale di ciascuna voce di costo valida per quantificare il credito
fino a euro 300.000 100%
compreso tra euro 300.000 e euro 600.000 75%
compreso tra euro 600.000 e euro 900.000 75%
superiore a euro 900.000 25%

Per le librerie legate da contratti di affiliazione commerciali con case editrici, periodici o altre attività editoriali appartenenti a gruppi di distribuzione le percentuali sono ridotte del 5%.

Nel caso di presenza delle stesse nella compagine societaria ovvero nel capitale sociale, la percentuale di bonus riconosciuto è pari al 25% della spesa sostenuta a prescindere dal fatturato.

Come fare domanda e scadenza

Sarà il 30 settembre 2018 la prima scadenza da tenere a mente: per beneficiare del bonus le librerie dovranno inviare domanda, in modalità telematica, alla Direzione generale biblioteche e istituti culturali del MIBACT.

Potranno beneficiare di una corsia preferenziale le librerie che risultino essere le uniche presenti nel territorio comunale.

Si ricorda inoltre che, come di consueto, il credito d’imposta potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione tramite presentazione del modello F24 in modalità telematica.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Credito d’imposta

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.