Bonus cuneo fiscale: ecco il codice tributo per il recupero in compensazione

Bonus cuneo fiscale, pronto il codice tributo che i datori di lavoro devono usare per recuperare in compensazione il contributo erogato ai propri dipendenti o assimilati. Ecco i dettagli della risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 35/E del 26 giugno 2020, che contiene anche le istruzioni per la compilazione dei modelli F24 ed EP, Enti Pubblici.

Bonus cuneo fiscale: ecco il codice tributo per il recupero in compensazione

Bonus cuneo fiscale, pronto il codice tributo con cui i datori di lavoro possono recuperare in compensazione il contributo erogato in busta paga.

L’Agenzia delle Entrate ha istituito tale codice tributo con la risoluzione n. 35/E del 26 giugno 2020, con cui vengono altresì fornite le istruzioni per la compilazione dei modelli F24 e F24 “enti pubblici” (F24 EP).

Il bonus in busta paga entra in vigore dal 1° luglio 2020, dunque sarà “operativo” dai pagamenti a partire da agosto in poi, per sei mesi.

Bonus cuneo fiscale: il codice tributo per i datori di lavoro. Come compilare il modello F24

La risoluzione n. 35/E del 26 giugno 2020 dell’Agenzia delle Entrate fornisce le ultime indicazioni necessarie per procedere col cosiddetto bonus in busta paga, derivante dal taglio del cuneo fiscale.

Risoluzione AdE n. 35/E del 26 giugno 2020
Istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione da parte dei sostituti d’imposta, tramite i modelli F24 e F24 “enti pubblici” (F24 EP), del credito maturato per effetto dell’erogazione del trattamento integrativo ai lavoratori dipendenti e assimilati, ai sensi dell’articolo 1, comma 4, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3

Grazie al taglio del cuneo fiscale i lavoratori dipendenti con reddito tra gli 8.174 euro fino a 28.000 euro avranno 100 euro in più al mese, mentre chi si trova nella fascia di reddito tra i 28.001 e i 40.000 si vedrà applicare una detrazione, che diminuirà all’aumentare del reddito.

Il contributo erogato viene denominato trattamento integrativo ai lavoratori dipendenti e assimilati, e il datore di lavoro lo recupera in compensazione grazie al seguente codice tributo:

  • 1701” denominato “Credito maturato dai sostituti d’imposta per l’erogazione del trattamento integrativo - articolo 1, comma 4, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3”.

In sede di compilazione del modello F24, tale codice tributo è esposto nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati”.

Nei campi “rateazione/regione/prov./mese rif.” e “anno di riferimento” sono indicati, rispettivamente, il mese e l’anno in cui è avvenuta l’erogazione del trattamento integrativo, nei formati “00MM” e “AAAA”.

Bonus cuneo fiscale: come compilare il modello Enti Pubblici

La risoluzione in commento specifica che le regole per chi usa il modello EP, Enti Pubblici, sono diverse.

Il codice tributo da utilizzare in questo caso è il seguente:

  • 170E” denominato “Credito maturato dai sostituti d’imposta per l’erogazione del trattamento integrativo - articolo 1, comma 4, del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3”.

In sede di compilazione del modello F24 EP, il codice tributo “170E” è esposto nella sezione “Erario” (valore F), in corrispondenza delle somme indicate nel campo “importi a credito compensati”.

Nei campi “riferimento A” e “riferimento B” sono indicati, rispettivamente, il mese e l’anno in cui è avvenuta l’erogazione del trattamento integrativo, nei formati “00MM” e “AAAA”.

Ricordiamo infine che, per il recupero in compensazione del credito, i modelli F24 devono essere presentati solo attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

L’utilizzo in compensazione, invece, non deve essere preceduto dalla presentazione della dichiarazione da cui emerge il credito.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1673 voti

VOTA ORA