Bonus cittadinanza digitale: 200 euro per servizi informatici, ma la platea è ristretta

Rosaria Imparato

17/06/2020

13/07/2021 - 13:05

condividi

Bonus cittadinanza digitale, un emendamento del M5S al decreto Rilancio propone un contributo di 200 euro per comprare servizi informatici, ma la platea dei beneficiari è piuttosto ristretta.

Bonus cittadinanza digitale: 200 euro per servizi informatici, ma la platea è ristretta

Bonus cittadinanza digitale, nel processo di conversione in legge del decreto Rilancio spunta un emendamento a firmato dal Movimento 5 Stelle. Il bonus consiste in un contributo di 200 euro, ma per un platea di beneficiari ristretta.

Il bonus cittadinanza digitale infatti andrebbe solo ai ragazzi che nel 2021 compiranno 18 anni, e agli over 65.

Inoltre, questi 200 euro possono essere utilizzati solo per acquistare servizi informatici, di hardware e sofware.

Vediamo come funziona il nuovo bonus cittadinanza digitale, fermo restando che prima dovrà ottenere l’approvazione della Camera.

Bonus cittadinanza digitale: 200 euro per servizi informatici, ma la platea è ristretta

Tra le varie misure del decreto Rilancio potrebbe esserci anche un nuovo bonus.

L’emendamento al testo del decreto, che attualmente è in fase di conversione in legge, è stato apportato dal Movimento 5 Stelle, e prevede un contributo di 200 euro per acquistare servizi informatici, hardware, software e di connettività.

Il bonus è esentasse e non farà parte del reddito ai fini ISEE.

Il cosiddetto bonus cittadinanza digitale però è destinato a una precisa platea di beneficiari:

  • ragazzi che nel 2021 compiranno 18 anni;
  • gli over 65.

Per poterlo richiedere servirà la PEC, quindi un indirizzo di posta elettronica certificata, o un altro servizio di recapito digitale qualificato.

In questo modo si creerà una sorta di “domicilio digitale”, su cui arriveranno i 200 euro del bonus in formato elettronico.

Bonus cittadinanza digitale per promuovere la cultura online

Lo scopo del bonus cittadinanza digitale è quello di fare un passo in avanti nel percorso di svolta tecnologica del nostro Paese. Ha dichiarato Emanuele Scagliusi, il primo firmatario dell’emendamento:

“L’emergenza degli ultimi mesi ci ha confermato, una volta di più, l’importanza di promuovere la diffusione di una cultura digitale tra i cittadini e combattere il digital divide, anche al fine di un efficace contrasto dell’epidemia da Covid-19”

Per entrare in vigore, però, è necessario che la norma venga approvata in sede di conversione di legge del decreto Rilancio: ne sapremo di più nei prossimi giorni, quando la discussione arriverà in Commissione Bilancio.

Iscriviti a Money.it