Bonus 600 euro: l’INPS respinge centinaia di domande, scoppia la polemica

Bonus 600 euro, caos INPS: nella giornata di venerdì respinte centinaia di domande sospese.

Bonus 600 euro: l'INPS respinge centinaia di domande, scoppia la polemica

Bonus 600 euro di marzo: quella di ieri - venerdì 15 maggio - è stata una giornata alquanto negativa per chi attendeva da settimane l’esito della propria istanza. Sui social network, in particolare su Facebook, infatti, ci sono state centinaia di segnalazioni riguardo al fatto che l’INPS abbia dato esito negativo alla richiesta per i 600 euro presentata dai soggetti interessati.

Oggi hanno respinto a tutti la richiesta del bonus 600 euro”, si legge sui social network. Sembra, quindi, che nella giornata di venerdì 15 maggio l’INPS abbia messo un punto alle verifiche sul bonus 600 euro, respingendo però la maggior parte delle domande che risultavano ancora sospese.

Per coloro a cui la richiesta per il bonus 600 euro è stata respinta le cattive notizie non finiscono qui: l’approvazione del Decreto Rilancio, infatti, conferma che questi non potranno fare richiesta neppure per il bonus dello stesso importo riconosciuto per il mese di aprile.

Bonus 600 euro, sui social impazza la polemica

Come spiegato dall’INPS nell’ultimo Osservatorio sulle indennità da COVID-19, alla data dell’8 maggio 2020 l’Istituto ha ricevuto 4.849.668 domande per il bonus 600 euro, di cui 3.772.223 sono state accolte.

Riguardo alle domande sospese, 225.000 lo sono per IBAN errato e nel frattempo l’INPS sta comunicando con i lavoratori per ottenerne la variazione. Altre 300.000 domande, invece, sono state respinte perché presentate dai percettori di reddito o pensione di cittadinanza (ma il Decreto Rilancio permette loro di cumulare le due indennità).

Ci sono poi 630.000 con requisiti che non hanno superato i controlli e per i quali è in atto uno stato di verifica e correzione per categoria sbagliata dall’utente.

Ebbene, nella giornata di ieri alla maggior parte di coloro che avevano lo stato “sospeso” è arrivato il responso atteso da tempo, ma che purtroppo non ha portato buone notizie: la richiesta del bonus 600 euro è stata infatti respinta.

Un vero e proprio black friday che può essere riassunto da alcuni dei post pubblicati su Facebook in queste ore.

Come si legge nei commenti delle persone indignate per non aver ricevuto il bonus 600 euro, la maggior parte di questi appartengono alla categoria dei lavoratori stagionali. A questi il Governo ha riconosciuto un bonus di 600 euro in quanto categoria fortemente penalizzata dallo stop al turismo; tuttavia un errore nell’ultimo contratto, o anche il fatto che l’ultimo lavoro sia stato per un’impresa con codice ATECO non rientrante in quelli indicati dal Decreto Cura Italia, ha portato la domanda ad essere respinta.

C’è chi lamenta requisiti troppo stringenti per gli stagionali, chi dà la colpa alla burocrazia; resta il fatto che per tante persone il bonus 600 euro sembra non arriverà mai.

Bonus 600 euro: chi non lo ha avuto a marzo non lo riceve neppure ad aprile

Il Decreto Rilancio riserva il bonus di 600 euro di aprile esclusivamente a coloro che lo hanno ricevuto anche per il mese di marzo. Non ci sarà, infatti, alcuna domanda da presentare; il contributo sarà erogato automaticamente.

Cosa deve fare quindi chi ha visto la domanda per l’indennità una tantum da 600 euro respinta? C’è tempo ancora quindici giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Rilancio per rifare la domanda e sperare che questa volta l’INPS rivaluti il proprio responso. In alternativa si potrà provare a richiedere il reddito di emergenza, il nuovo aiuto con cui lo Stato intende dare ristoro anche agli esclusi dal bonus 600 euro.

Iscriviti alla newsletter

4 commenti

foto profilo

Carmelo • 1 mese fa

Ma io e mia moglie siamo disoccupati entrambi percepisco reddito di cittadinanza di 320euro non ci spetta niente con nuovo decreto ?

foto profilo

Giuseppe • 1 mese fa

Comunque sempre ingiustizia è, nel senso che lo sanno che gli alberghi sono chiusi e tanta gente che lavora a stagione è a casa, in Sicilia regione in cui abito, si vive di turismo, tanta gente fa le stagioni, andare a trovare il pelo nell’uovo è facile, poi sappiamo tutti, compresi i burocrati, che tante aziende assumono con tante escamotage per vari motivi, ma che colpa ha chi lavora in hotel a tempo determinato, o il codice ATECO..

foto profilo

costalongu • 1 mese fa

Buonasera,
intanto grazie per esservi interessati alla vicenda. Leggo sul vostro articolo: «Il Decreto Rilancio riserva il bonus di 600 euro di aprile esclusivamente a coloro che lo hanno ricevuto anche per il mese di marzo. Non ci sarà, infatti, alcuna domanda da presentare; il contributo sarà erogato automaticamente.».
Nel decreto rilancio sono inclusi però i lavori somministrati del settore del turismo (mio caso), ai quali per lo stesso motivo è stata respinta la richiesta di Marzo.
Credo che l’INPS non possa impedire a noi somministrati di inviare una nuova domanda per Aprile, a rigor di logica (e pure di decreto).

Saluti,
Costantino Longu.

foto profilo

FILIPPO824 • 1 mese fa

Quanto asserito non corrisponde esattamente a quanto accaduto, l’inps ha rigettato domande perfettamente valide , lavoratori stagionali con codici ateco corretti, date le informazioni corrette gentilmente grazie.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories