Decreto Cura Italia

Le Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, meglio noto come il decreto Cura Italia, è un provveidmento emanato dal governo Conte bis e in Gazzetta Ufficiale dal 17 marzo 2020.

Si tratta di un testo composto da 127 articoli, emanato in tutta fretta dal Consiglio dei Ministri e poi subito firmato dal Presidente della Repubblica a causa dell’aggravarsi dell’emergenza coronavirus in Italia.

Nello specifico il decreto contiene tutta una serie di misure, dal costo totale di 25 miliardi, che il governo ha deciso di mettere in campo per sostenere economicamente il Paese e aiutare famiglie, aziende e lavoratori autonomi in crisi a causa del coronavirus.

Tra le novità più importanti del decreto Cura Italia c’è lo slittamento delle scadenze fiscali e il differimento delle tasse con scadenza al 16 marzo fino al 31 maggio 2020, mentre per quanto riguarda le aziende e PMI è stata data la possibilità di richiedere trattamento ordinario di integrazione salariale o accesso all’assegno ordinario.

L’INPS sosterrà lavoratori e famiglie invece con tutta una serie di misure come il congedo parentale speciale, al bonus baby sitter, 600 euro per le partite Iva e co.co.co., cassa integrazione in deroga per le imprese, misure per lo spettacolo e lo sport, fino al bonus di 100 euro e al reddito di ultima istanza per lavoratori domestici e liberi professionisti.

Testo integrale decreto Cura Italia in Gazzetta

Decreto Cura Italia, ultimi articoli su Money.it

Bonus 600 euro partite IVA: domanda in scadenza oggi, ma non per tutti

Pubblicato il 3 giugno 2020 alle 18:24

Bonus 600 euro partite IVA: domanda in scadenza oggi, ma non per tutti secondo quanto previsto dal decreto Rilancio da poco in vigore e i chiarimenti INPS. Si tratta della possibilità di richiedere l’indennità per il mese di marzo introdotta dal decreto Cura Italia.

Licenziamenti sospesi: la Naspi va restituita? Ecco quando nel messaggio INPS

Pubblicato il 2 giugno 2020 alle 11:19

Licenziamenti sospesi: la Naspi va restituita? INPS chiarisce quando nel messaggio 2261 a seguito del parere dell’Ufficio Legislativo del ministero del Lavoro con nota del 26 maggio 2020. L’Istituto sottolinea primariamente anche se, nel periodo in cui vige la norma sulla sospensione, l’indennità di disoccupazione va riconosciuta al lavoratore.

Controlli fiscali al via dal 1° giugno 2020: chi rischia di più

Pubblicato il 29 maggio 2020 alle 10:37

Controlli fiscali dal 1° giugno 2020: lo stop per le attività di accertamento termina il 31 maggio. Il DL Rilancio ha predisposto che la notifica degli atti arrivi nel 2021, ma non blocca i controlli nel 2020: ecco chi rischia di più.

Money.it

Bonus 600 euro professionisti con cassa sale a 1.000 euro a maggio

Pubblicato il 26 maggio 2020 alle 14:16

Il bonus 600 euro professionisti con cassa sale a 1.000 euro a maggio e a comunicarlo è il ministro dell’Economia Guartieri in audizione alle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato. Vediamo cosa ha detto il ministro e cosa dice il testo in Gazzetta Ufficiale.

Bonus 1.000 euro decreto Rilancio: ecco chi è escluso

Pubblicato il 21 maggio 2020 alle 17:33

Bonus 1.000 euro nel decreto Rilancio: vediamo chi è escluso dal beneficio sulla base di quanto stabilito dal testo in vigore pubblicato lo scorso 19 maggio in Gazzetta Ufficiale.

|