Bonus di 22.002 euro a discoteche e sale da ballo chiuse per misure contenimento Covid

Claudia Cervi

29 Giugno 2022 - 09:35

condividi

Il bonus quantificato in base al plafond disponibile e al numero di domande arrivate entro il 20 giugno va alle partite iva chiuse per le misure di contenimento del Covid.

Bonus di 22.002 euro a discoteche e sale da ballo chiuse per misure contenimento Covid

Stabilito con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate l’importo del bonus concesso a discoteche, sale da ballo e operatori del settore con codice Ateco «93.29.10». Il contributo a fondo perduto è stato quantificato in 22.002 euro e verrà accreditato sul conto corrente delle partite iva che hanno inviato le domande dal 6 al 20 giugno.

Bonus a discoteche e sale da ballo

L’Agenzia delle Entrate ha reso noto l’importo del bonus destinato a discoteche e sale da ballo attive al 27 gennaio 2022 ma chiuse per effetto delle misure anti-Covid. Nel provvedimento n.244635/2022 è specificato che il contributo a fondo perduto di 22.002 euro è stato quantificato ripartendo il plafond disponibile definito dall’articolo 1, comma 1, del Dl n. 4/2022, in base alle domande presentate tra il 6 e il 20 giugno.

Provvedimento 244635/2022
Agenzia Entrate

In particolare, l’Ufficio chiarisce che l’importo riconosciuto a ciascun operatore sarà il minore tra la cifra di 22.002 euro e l’ammontare residuo degli aiuti fruibili da ciascuna impresa, stabiliti in base ai dati forniti nell’istanza e nei limiti stabiliti dalla sezione 3.1 del Temporary Framework.

Le partite iva riceveranno il bonus direttamente sul conto corrente bancario o postale. Se dai controlli successivi sui dati inviati dovesse emergere la non spettanza dell’aiuto, l’Agenzia procederà al recupero delle somme e all’applicazione delle sanzioni.

I requisiti per il bonus «discoteche»

Il bonus «discoteche» è stato introdotto dal decreto Sostegni-bis e ripreso dal Sostegni-ter (articolo 1, comma 1, Dl n. 4/2022) per le attività che sono state costrette a chiudere il 27 gennaio 2022 a causa delle misure di contenimento della pandemia. La misura riguardava discoteche e altri operatori del settore identificati con il codice Ateco «93.29.10» e in possesso di requisiti soggettivi e reddituali specifici.

Si tratta cioè delle partite iva con ricavi non superiori a 2 milioni di euro nel 2019 che hanno subito un calo di fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019.

Con riferimento ai requisiti soggettivi, il richiedente deve aver dichiarato che la partita iva era attiva prima del 27 gennaio 2022, di essere residente in Italia e l’assenza di difficoltà al 31 dicembre 2019.

Il modello e le istruzioni per compilare l’istanza di accesso al contributo sono state pubblicate lo scorso 18 maggio, con il provvedimento n. 171638/2022.

Per essere valide, le domande devono essere state inviate con l’apposito modello tramite i canali telematici Entratel/Fisconline oppure mediante procedura web nel periodo compreso tra il 6 giugno e il 20 giugno.

Assegnazione del bonus

I richiedenti che hanno presentato la domanda entro i termini possono dunque verificare l’esito consultando l’apposita area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.
E’ sufficiente entrare nella sezione «Fatture e Corrispettivi» - sezione «Contributo a fondo perduto - Consultazione esito» per verificare l’importo del contributo riconosciuto e l’avvenuto mandato di pagamento. Se la domanda è stata scartata, nella stessa sezione si potranno leggere le motivazioni della decisione.

Iscriviti a Money.it