Bonus 200 euro sul reddito di cittadinanza: svelata la data di pagamento, ecco chi lo riceve

Simone Micocci

29 Giugno 2022 - 18:43

condividi

Bonus 200 euro per chi prende il reddito di cittadinanza: l’Inps annuncia la data di pagamento. Arriverà a luglio, ecco per chi.

Bonus 200 euro sul reddito di cittadinanza: svelata la data di pagamento, ecco chi lo riceve

È in pagamento il prossimo mese il bonus una tantum di 200 euro che per i percettori del reddito di cittadinanza verrà erogato attraverso la Carta Rdc.

Ne dà conferma l’Inps con la circolare n. 73 del 2022, con la quale viene spiegato che coloro che prendono il reddito di cittadinanza, a patto che nel nucleo familiare non ci siano componenti che beneficiano del bonus 200 euro per altro titolo, non devono presentare domanda per ricevere il contributo.

Questo, infatti, sarà accreditato d’ufficio, contestualmente alla mensilità di luglio. Di conseguenza, chi rientra nelle altre categorie che hanno diritto al suddetto bonus non potrà farne richiesta all’Inps qualora dovesse ricevere i 200 euro già con la ricarica Rdc del prossimo mese.

In caso contrario, ossia qualora il bonus risulti pagato più volte, l’Inps chiederà la restituzione degli importi indebitamente erogati.

Bonus 200 euro per chi prende il reddito di cittadinanza

Il bonus 200 euro previsto dal decreto n. 50 del 17 maggio scorso viene pagato anche a chi prende il reddito di cittadinanza.

Inizialmente i percettori del reddito di cittadinanza erano stati esclusi dalla platea dei potenziali beneficiari del bonus 200 euro, tuttavia un successivo intervento della presidenza del consiglio dei ministri ha modificato questo aspetto stabilendo che il contributo utile per far fronte al caro vita spetta anche ai disoccupati, ma solo qualora cui risultino percettori di Naspi o di reddito di cittadinanza.

Requisiti per il bonus 200 euro sul reddito di cittadinanza

Quindi, se prendi il reddito di cittadinanza ti farà piacere sapere che presto sulla ricarica mensile si aggiungerà - per una sola volta - un ulteriore contributo, del valore di 200 euro, erogato dallo Stato per far fronte al caro vita.

Il decreto Aiuti, infatti, tutela anche quelle famiglie composte esclusivamente da persone che non hanno diritto al bonus, a patto che queste risultino in una condizione economica di difficoltà, tale da avere diritto al reddito di cittadinanza.

Ricordiamo che all’interno della stessa famiglia si può percepire anche più di un bonus 200 euro, ma solo quando è il singolo componente a rientrare in una delle categorie che danno diritto al contributo.

C’è invece incompatibilità tra il bonus 200 euro pagato al singolo componente e quello accreditato sul reddito di cittadinanza. Come sottolineato dall’Inps nella circolare n. 73/2022, infatti, “l’indennità non è corrisposta nei nuclei in cui è presente almeno un beneficiario delle indennità di cui all’articolo 31 e di cui ai commi da 1 a 16 del citato articolo 32”, ossia a coloro che rientrano in una delle seguenti categorie:

  • Lavoratori dipendenti
  • Lavoratori domestici
  • Lavoratori stagionali
  • Lavoratori dello spettacolo
  • Co.Co.Co.
  • Lavoratori autonomi privi di P.Iva
  • Incaricati alle vendite a domicilio
  • Pensionati
  • Disoccupati percettori di relativa indennità
  • Titolari di assegno sociale
  • Titolari di pensione d’invalidità, ciechi e sordi
  • Nuclei familiari percettori di reddito di cittadinanza

Come e quando viene pagato il bonus 200 euro a chi prende il reddito di cittadinanza

Il bonus 200 euro verrà pagato con il reddito di cittadinanza in arrivo a luglio, quindi intorno alla fine del prossimo mese.

Il contributo verrà caricato direttamente sulla carta acquisti dove mensilmente viene effettuata la ricarica del reddito di cittadinanza. Tuttavia, così come succede anche per l’integrazione riconosciuta a titolo di assegno unico universale, l’importo accreditato non è soggetto ai vincoli di spesa e prelievo previsti per il reddito di cittadinanza.

I 200 euro, quindi, dovrebbero essere interamente prelevabili dalla carta.

Come visto in precedenza, però, il bonus non verrà erogato in automatico a tutti i percettori del reddito di cittadinanza. Prima di tutto, infatti, l’Inps effettuerà delle verifiche volte a escludere tutti quei nuclei familiari che già ottengono il bonus per i loro componenti pensionati o lavoratori, o comunque perché rientrano in una delle tante categorie che danno diritto al bonus.

Bonus 200 euro per chi prende il reddito di cittadinanza: va fatta richiesta?

No, non serve inviare alcuna richiesta per il bonus in oggetto. Questo, infatti, viene generalmente riconosciuto in automatico ai beneficiari, con alcune eccezioni (come ad esempio per i lavoratori stagionali, come pure per i collaboratori domestici).

Come visto sopra, dunque, basterà risultare percettori del reddito di cittadinanza per avere diritto al bonus, con l’Inps che una volta aver valutato il possesso dei requisiti previsti dalla normativa provvederà all’accredito automatico dei soldi.

Iscriviti a Money.it