Battisti, ora è caccia grossa: “È il principale latitante del Brasile”

Agenti italiani in Brasile già da 24 ore per cercare di prelevare Cesare Battisti, al momento latitante. Il figlio del Presidente Bolsonaro: “È il caso più importante del Paese”

Battisti, ora è caccia grossa: “È il principale latitante del Brasile”

“È il principale latitante del Paese”.

Si è espresso così Eduardo Bolsonaro - figlio del Presidente Jair Bolsonaro e deputato federale - in riferimento a Cesare Battisti, da due giorni in fuga e ricercato dalle forze di polizia brasiliane.

Polizia del Brasile a cui si sono aggiunti, nella giornata di ieri, agenti italiani, sul territorio per cercare di prelevare l’ex terrorista, in fuga e secondo alcune fonti già espatriato, forse in Bolivia, dove fu fermato e arrestato diversi anni fa.

L’estradizione è stata concessa ufficialmente nella serata di venerdì dal presidente brasiliano Michel Temer. La misura si è opposta a quanto stabilito in passato dall’ex ministro della Giustizia dell’esecutivo di Lula da Silva, che garantì asilo politico a Battisti.

Proprio Lula si è espresso circa la nuova decisione, parlando di un provvedimento scelto da “due governi di estrema destra” e etichettando il tutto come “decisione politica”.

Mentre l’avvocato dell’uomo, interpellato, ha spiegato di non sapere dove si trova in questo momento, specificando che d’ora in poi ogni decisione di Battisti è da attruibuire solo alla sua volontà.

Battisti, ora è caccia grossa: “È il latitante più famoso del Paese”

Eduardo Bolsonaro ha scelto il palcoscenico social, più nello specifico Twitter, per esprimere la sua drastica opinione su Cesare Battisti.

Ha spiegato che il suo Paese “non sarà più il paradiso per i criminali stranieri”, passando poi in rassegna i crimini per cui l’uomo è stato condannato in Italia:

“Ha ucciso un poliziotto e un padre davanti al figlio, è stato condannato in Italia per 4 omicidi, è fuggito in Brasile e Lula aveva deciso che rimanesse in libertà [...] Ora che il Supremo Tribunale Federale ha deciso di estradarlo è diventato latitante: è il caso più famoso del Paese”.

Cesare Battisti, che fece parte del gruppo Proletari Armati per il Comunismo (PAC), era stato condannato all’ergastolo in Italia, ritenuto colpevole di essere stato l’esecutore materiale di due omicidi e di aver partecipato moralmente e in parte anche materialmente ad altri due.

Tutti i suoi crimini - che continua a negare da decenni - sono stati perpetrati all’interno della cornice storica degli anni di piombo e etichettati come azioni “proletarie”.

Sarebbe stato visto per l’ultima volta martedì a Cananeia, città in cui risiedeva, ma le prime ricerche della polizia di San Paolo - immediatamente successive all’ordine d’arresto del Tribunale - non hanno dato esiti.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories