Bank of England sorprende ancora: tassi ai minimi storici, aumenta QE

Nuovo meeting di emergenza e nuovo taglio ai tassi da parte della Bank of England. Questa volta è stato anche varato un incremento del QE. Le reazioni sui mercati.

Bank of England sorprende ancora: tassi ai minimi storici, aumenta QE

Nuovo intervento di emergenza della Bank of England (BoE). In scia con quanto già fatto dalla altre banche centrali e dallo stesso istituto di Threadneedle St., la Bank of England ha indetto un meeting straordinario per decretare un taglio del costo del denaro allo 0,1%.

Per il benchmark britannico si tratta del nuovo minimo storico.

Non solo, la Bank of England ha inoltre annunciato di aver incrementato lo shopping di titoli di stato e bond societari, il famigerato Quantitative Easing (QE), di 200 miliardi di sterline a 645 miliardi. “La maggioranza dei nuovi acquisti di asset – precisa la banca centrale- sarà rappresentata da titoli governativi britannici”.

A spiegare la ratio del provvedimento è la stessa Bank of England. “Il diffondersi del Covid-19 e le misure adottate per il contenimento del virus produrranno uno shock economico che potrebbe essere forte e ampio, ma che dovrebbe essere temporaneo”.

Bank of England: costo del denaro scende di 15 punti base

All’unanimità, la Bank of England ha quindi deciso di tagliare, per la seconda volta in poco più di una settimana, il costo del denaro.

Mercoledì scorso, la BoE aveva ridotto, sempre al di fuori dei meeting già programmati, il tasso benchmark di mezzo punto percentuale allo 0,25%.

“Negli ultimi giorni, in linea con altri mercati obbligazionari delle economie avanzate, le condizioni del mercato dei titoli di stato britannici sono peggiorate”, continua il comunicato. “Questo ha portato a un inasprimento delle condizioni finanziarie globali”.

Taglio Bank of England: necessarie nuove misure

Di conseguenza, nel meeting straordinario indetto oggi dalla Bank of England, “il Comitato di Politica Monetaria ha valutato che, per raggiungere i suoi obiettivi statutari, è necessario un ulteriore pacchetto di misure”.

Oltre ad aver ridotto il costo del denaro di 15 punti base e aver allargato lo shopping di titoli, la Bank of England ha votato all’unanimità di incrementare il piano TFSME (Term Funding Scheme with additional incentives for SMEs, il programma che prevede prestiti ad un tasso prossimo a quello di riferimento, ndr)”.

Taglio Bank of England: le reazioni dei mercati

La forza del biglietto verde, percepito come rifugio sicuro in un momento in cui l’incertezza sui mercati è massima, e la debolezza della sterlina, il Regno Unito appare particolarmente impreparato all’arrivo dell’epidemia di Coronavirus, nell’ultimo mese ha fatto perdere al cable, al cambio sterlina-dollaro, quasi 10 punti percentuali.

In particolare, ieri il cross si è spinto fino a 1,14623 dollari, il livello minore da 35 anni. Al momento, il sostegno offerto dalla Bank of England permette al cable di guadagnare l’1,3% a 1,17689$.

Dopo la decisione della Bank of England il rendimento dei titoli governativi britannici a due anni scende di quasi 13 punti base allo 0,209% mentre nel caso del 10 anni il dato segna -5 punti base allo 0,786%.

Dopo i minimi intraday toccati in corrispondenza del giro di boa, il Ftse100 al momento guadagna l’1,2% a 5.141,75 punti.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Bank of England

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.