Bank of America: nella trimestrale l’incertezza del momento. I dettagli

Violetta Silvestri

18 Luglio 2022 - 13:14

condividi

Continua la stagione degli utili delle grandi banche Usa: è la volta di Bank of America, che ha riportato dati contrastanti, rispecchiando le luci e le ombre del periodo turbolento per le finanze.

Bank of America: nella trimestrale l'incertezza del momento. I dettagli

Bank of America ha pubblicato risultati contrastanti per il secondo trimestre, che includevano benefici dall’aumento dei tassi di interesse e circa $425 milioni di spese legate a questioni normative.

La trimestrale ha evidenziato un calo degli utili, colpita da una diminuzione dei ricavi dell’investment banking poiché l’attività di sottoscrizione si è attestata a una frazione dei livelli record dello scorso anno.

I banchieri d’investimento di Wall Street hanno assistito a un crollo dell’attività nella prima metà del 2022 a causa della volatilità dei mercati dei capitali, delle tensioni geopolitiche e di un sentiment di propensione al rischio incerto nei mercati a livello globale.

Le azioni di Bank of America sono scese del 28% quest’anno fino a venerdì, performance peggiore del calo del 16% dell’indice KBW Bank: i dettagli della trimestrale.

Bank of America: luci e ombre della trimestrale

I numeri di Bank of England per il secondo trimestre 2022 hanno mostrato andamenti turbolenti.

Nello specifico, le commissioni bancarie di investimento sono diminuite del 47% a 1,1 miliardi di dollari nel trimestre riportato. L’utile applicabile agli azionisti comuni è sceso a 5,93 miliardi di dollari, o 73 centesimi per azione, per il trimestre conclusosi il 30 giugno, da 8,96 miliardi di dollari, o 1,03 dollari per azione, un anno prima. Le entrate hanno registrato i $22,79 miliardi, contro $22,67 miliardi previsti.

L’utile è sceso del 32% a 6,25 miliardi di dollari rispetto all’anno precedente, quando la società ha preso un accantonamento di 523 milioni di dollari per perdite su crediti, ha affermato la banca in una nota. Un anno fa, la banca ha ottenuto un vantaggio di 1,6 miliardi di dollari, poiché i mutuatari si sono dimostrati più affidabili del previsto.

Le azioni del prestatore hanno oscillato tra guadagni e perdite nel trading pre-mercato e sono aumentate di meno dell′1%.

Bank of America, guidata dal CEO Brian Moynihan dal 2010, ha beneficiato di un vento favorevole poiché l’aumento dei tassi di interesse e un rimbalzo della crescita dei prestiti hanno aumentato il reddito. Ma le azioni bancarie sono state assediate quest’anno, tra i timori che l’inflazione elevata possa innescare una recessione, che porterebbe a maggiori inadempienze sui prestiti.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.