Antonio Maggiore, chi è il nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate

Antonio Maggiore è il nuovo Mister Fisco. Ecco chi è il generale della Guardia di Finanza a capo del reparto regionale Veneto nominato nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate al posto di Ernesto Maria Ruffini.

Antonio Maggiore, chi è il nuovo direttore dell'Agenzia delle Entrate

Antonio Maggiore è il nuovo Mister Fisco. Il generale di divisione della Guardia di Finanza sostituisce Ruffini nella direzione dell’Agenzia delle Entrate.

È stato il Ministro dell’Economia Giovanni Tria a proporre Maggiore come il nuovo numero uno delle Entrate durante il Consiglio dei Ministri nella serata dell’8 agosto 2018.

È la prima volta che l’incarico di direttore dell’Agenzia delle Entrate viene affidato a un generale delle Fiamme Gialle.

Mister Fisco, chi è Antonio Maggiore, nuovo direttore delle Entrate?

Il nuovo Mr. Fisco si chiama Antonio Maggiore ed è nato a Cormos in provincia di Gorizia nel 1960. Oltre ad essere generale delle Fiamme Gialle, Maggiore è laureato in giurisprudenza, scienze politiche e scienze della sicurezza economico-finanziaria. Ha conseguito il diploma alla scuola superiore di polizia tributaria oltre ad un master in diritto tributario.

Oltre ai diversi titoli di studio, Mister Fisco conta anche una carriera variegata e con numerosi incarichi di comando e di istruzione.

Antonio Maggiore una volta diventato capitano è stato comandante di compagnia Allievi nella scuola di sottoufficiali di Cuneo, tra gli altri incarichi è stato comandante della compagnia di Imperia, comandante provinciale prima a Varese e poi a Genova e da tenente colonnello è stato nella polizia tributaria di Palermo e Torino.

Mentre ricopriva l’incarico di comandante regionale del Friuli Venezia-Giulia, nel 2014 è stato promosso a generale di divisione e infine, da ottobre 2015 fino ad oggi, è stato al comando del reparto regionale del Veneto.

Fra i riconoscimenti, il nuovo direttore delle Entrate Maggiore è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica, della medaglia d’oro al merito di lungo comando, della croce d’oro per anzianità di servizio e della medaglia Mauriziana.

Ecco perché Antonio Maggiore sostituisce Ernesto Maria Ruffini

Il vicepremier Di Maio si dice entusiasta e al termine del Consiglio dei ministri ed ha dichiarato: “Abbiamo azzerato i vertici dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia del Demanio”, dove c’erano due ex esponenti del PD ora arrivano difatti Riccardo Carpino al Demanio e Benedetto Mineo alle Dogane.

Ma perché Antonio Maggiore sostituisce Ernesto Maria Ruffini?

Quest’ultimo, oltre ad essere stato amministratore delegato di Equitalia, è anche una figura vicina all’ex premier PD Matteo Renzi.

Per questo motivo sul web si sono sollevate voci che sostenevano che la scelta di tale nomina non fosse stata dettata da principi di tipo meritocratico.

A pensarla così è anche il vicepremier pentastellato Di Maio, che su Facebook ha comunicato la notizia e condiviso il suo entusiasmo con il post seguente:

È un nome di garanzia, di grande esperienza e di onestà, che mi riempie di orgoglio. Sono certo che lavorerà nell’interesse dei cittadini onesti e sarà nemico dei grandi evasori, che fino ad oggi l’hanno fatta franca a spese dello Stato e degli imprenditori e cittadini onesti. Chi riscuote le tasse deve essere al servizio del cittadino e non il contrario. Per noi gli italiani sono onesti fino a prova contraria”.

Di Maio ha dichiarato inoltre che la scelta di nominare un generale della Guardia di Finanza come direttore dell’Agenzia delle Entrate è stata dettata dalla voglia di rendere il Fisco imparziale rispetto agli interessi di un dato partito politico in nome di pertinenza ed onestà.

Non solo Agenzia delle Entrate, nuovi direttori anche per Dogane e Demanio

Azzerati i vertici anche dell’Agenzia delle Dogane e del Demanio: Benedetto Mineo e Riccardo Carpino sono i rispettivi nuovi direttori.

A capo delle Dogane Benedetto Mineo, ex direttore Equitalia (ora Agenzia delle Entrate Riscossione). Per quel che riguarda il Demanio, il prefetto Riccardo Carpino sostituirà Roberto Reggi (ex parlamentare PD).

Carpino ha ricoperto tra l’altro l’incarico di capo gabinetto del Ministro per i rapporti con le regioni e per la coesione territoriale e di recente è stato consigliere del Ministro dell’Economia.

Riguardo Mineo e Carpino il vicepremier M5S ha dichiarato che i due nuovi direttori amministreranno le rispettive agenzie “non come un bancomat della politica” ma avranno ad esempio un ruolo nella lotta contro la ludopatia.

Quest’ultimo è stato uno dei punti cruciali della Legge di conversione del Decreto Dignità.

In particolare la lotta per combattere la dipendenza da gioco d’azzardo, insieme ad altri temi scottanti del decreto lavoro convertito in legge il 7 agosto 2018, come quello dei voucher e dei contratti a termine, ha visto pronunciarsi numerosi politici, nonché imprenditori e sindacati.

Tornando a Mister Fisco, affinché Antonio Maggiore diventi a tutti gli effetti il nuovo direttore delle Entrate, la procedura avviata dal Consiglio dei Ministri dovrà essere completata e seguire l’iter previsto.

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Agenzia delle Entrate

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.