Rame: price action favorisce strategie contrarian

I corsi del rame si avvicinano ad un supporto dinamico molto importante a seguito del forte tonfo registrato ieri. Ecco i livelli da monitorare secondo l’analisi tecnica

Rame: price action favorisce strategie contrarian

Le quotazioni del future sul rame ieri si sono riportati bruscamente al di sotto di un duplice livello supportivo, mentre al momento si attestano a 2,80 dollari.


Rame future, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

La struttura tecnica che da inizio febbraio sembrava nuovamente impostata al rialzo, con il tonfo di ieri è stata definitivamente deteriorata a favore dei venditori. Il primo segnale di deterioramento delle forze rialziste era arrivato con la violazione al ribasso della media mobile semplice a 50 giorni, successivamente confermato il con il pullback che si è completato nella giornata di ieri.

Il successivo e definitivo è arrivato con la rottura al ribasso sia della resistenza statica a 2,827 dollari, sia della trendline discendente visibile collegando i massimi tra settembre e dicembre 2018. Al momento i corsi stanno disegnando una candela doji con range ristrettissimo, all’interno dell’ampia candela ribassista disegnata ieri.

Importante notare anche la media mobile a 200 giorni che al momento transita a 2,78 dollari, poco al di sotto dei minimi attuali. Su questo livello sarà importante monitorare la price action: da qui i corsi potrebbero trovare un supporto per effettuare un nuovo rimbalzo, ma una intersezione al ribasso (idealmente sui minini di chiusura) deteriorerebbe completamente il quadro tecnico a favore di operazioni ribassiste.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Rame


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Considerata la struttura tecnica del rame si potrebbero implementare strategie long su conferma di segnali dalle implicazioni rialziste in prossimità della SMA200. In tal caso lo stop loss potrebbe essere collocato poco a 2,75 dollari, prossimo supporto di natura statica lasciata in eredità dai minimi segnati a metà dicembre. Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere collocato sul top segnato il 30 aprile a 2,923 dollari, mentre un target finale a 2,978 dollari, resistenza lasciata che conta i principali massimi segnati da febbraio.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.