Eur/Usd: dopo la Fed, via a strategie long di breve periodo

Ieri si è tenuta l’attesa riunione della Federal Reserve. Dopo un primo ribasso, le quotazioni dell’Eur/Usd sono tornate a salire oggi, evidenziando una struttura che si presta a long di breve periodo

Eur/Usd: dopo la Fed, via a strategie long di breve periodo

Seduta all’insegna dei rialzi per l’Eur/Usd che si attesta, al momento della scrittura, a 1,1060. Ieri si è svolto uno degli appuntamenti più importanti per le sorti del cambio: il meeting della Federal Reserve.

Come da attese, l’istituto guidato da Jerome Powell ha tagliato il costo del denaro di 25 punti base, all’1,75-2 per cento. Nel corso della conferenza stampa, il chairman della Fed ha comunicato che il bilancio dell’istituto potrebbe tornare a crescere. Per quanto riguarda ulteriori tagli dei tassi invece, questi saranno subordinati al materializzarsi di rischi come il rallentamento della crescita globale e le escalation commerciali (per approfondire).


Eur/Usd, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Dal punto di vista grafico, è positivo il fatto che l’euro-dollaro non abbia annullato la barra di estensione dello scorso 17 settembre, la quale resta il riferimento per gli operatori rialzisti.

Se i corsi dovessero portarsi al di sotto di quota 1,10, verrebbe fornito un segnale ribassista, con i venditori che avrebbero la possibilità di tornare verso 1,0936 in primis, dove transita la linea di tendenza disegnata con i top del 10 e 31 gennaio 2019.

In caso di incremento della pressione di vendita, l’obiettivo si sposterebbe verso 1,0874, dove è presente il supporto statico lasciato in eredità dai massimi dell’8 dicembre 2016.

Al contrario, estensioni oltre 1,1098 provocherebbero la violazione della trendline che unisce i top del 25 giugno e del 12 agosto 2019 e di quella ottenuta collegando i lows dell’1 e 23 agosto 2019.

Tale segnale avrebbe buone possibilità di causare una serie di acquisti sul cambio, con target compresi tra 1,12 e 1,1254. Osservando la situazione dell’RSI settato a 14 periodi, che veleggia sulle zone di ipervenduto, questa appare l’ipotesi più probabile al momento.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Eur/Usd


Elaborazione Ufficio Studi di Money.it

Visto quanto emerso dall’analisi tecnica, si potrebbero valutare strategie di stampo long da 1,1098, con stop loss individuabile a 1,1008 e obiettivo principale a 1,12. Il target più ambizioso sarebbe invece localizzato a 1,1254, zona di transito della media mobile semplice a 200 giorni.

Iscriviti alla newsletter Analisi dei Mercati

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.