Eni: utili in rally, ma i prezzi dovranno superare un livello tondo

Il titolo capitanato da Claudio Descalzi è in evidenza a Piazza Affari dopo i conti trimestrali rilasciati poco prima dell’apertura delle contrattazioni. La struttura tecnica privilegia operazioni long, ma bisognerà prestare attenzione ad un livello psicologicamente significativo

Eni: utili in rally, ma i prezzi dovranno superare un livello tondo

Le azioni Eni si attestano a 14,88 euro a Piazza Affari, in progresso dello 0,69%. Il titolo del settore petrolifero è sotto la lente degli investitori dopo la trimestrale e i conti dell’intero 2018, pubblicati poco prima dell’apertura delle contrattazioni odierna (clicca qui per approfondire).


Eni, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

A livello tecnico, la struttura rimane ancora rialzista con i prezzi che stanno segnando massimi e minimi crescenti dai low registrati il 27 dicembre 2018 a 13,42 euro. Da questo bottom le indicazioni a favore dei compratori evidenziate sia a livello grafico che algoritmico sono state molteplici.

Dapprima il massimo registrato nella seduta del 7 gennaio scorso a 14,44 euro che ha dato il primo segnale di deterioramento della struttura ribassista in atto dai top registrati il 5 ottobre a 16,67 euro, al culmine della figura triangolare distributiva che si è sviluppata da metà maggio 2018.

Successivamente questo primo movimento ascendente è stato confermato da un nuovo massimo crescente segnato il 18 gennaio a 14,68 euro, che ha inoltre riportato i prezzi al di sopra della media mobile a 50 giorni.

Questo livello dinamico ha poi funzionato come supporto nella seduta del 24 gennaio favorendo il rialzo che ha portato al test della resistenza tonda a 15 euro, il 5 febbraio scorso. Una violazione al rialzo di tale livello rafforzerebbe ancora di più la view positiva sul titolo, determinando anche un cambio di polarizzazione di lungo termine.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Eni


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Al momento i prezzi stanno disegnando un pattern inside, quindi solo una rottura del massimo registrato ieri a 14,94 euro darebbe il via ad operazioni di matrice rialzista.
Gli operatori più conservatori potrebbero invece attendere una chiusura sopra il livello tondo precedentemente menzionato. In entrambi i casi lo stop loss potrebbe essere posizionato poco al di sotto del minimo segnato ieri, più precisamente a 14,70 euro. Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere collocato a 15,59 euro, resistenza statica lasciata in eredità dal minimo segnato nella seduta del 7 settembre 2018. Un target più ambizioso potrebbe invece essere collocato a 16 euro.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.