Lo yen affonda ai minimi di 7 anni: banca centrale in controtendenza

Violetta Silvestri

28 Marzo 2022 - 15:12

condividi

Yen sotto pressione: la valuta giapponese è crollata dopo la mossa della banca centrale nipponica. In controtendenza con la Fed, i funzionari hanno infatti scelto di allentare la politica monetaria.

Lo yen affonda ai minimi di 7 anni: banca centrale in controtendenza

Lo yen è sceso al minimo da sette anni, crollando di più da marzo 2020 rispetto al dollaro Usa.

La Banca del Giappone ha agito in contrasto con la tendenza globale verso una politica monetaria più restrittiva, alimentando la speculazione che la banca centrale potrebbe intervenire per sostenere la valuta per la prima volta dal 1998.

La valuta ha segnato un calo di oltre il 2% rispetto al dollaro per raggiungere ¥125, spingendo i trader a prevedere ulteriori diminuzioni. Finora questo mese è sceso di oltre il 7% rispetto al dollaro, rendendolo il mese peggiore per la valuta giapponese dal 2016.

Perché la BoJ ha affondato lo yen? Cosa ha deciso la banca centrale del Giappone.

Yen sotto pressione e ai minimi: il motivo è la banca centrale

Il declino del 28 marzo dello yen è arrivato dopo che la BoJ ha sottolineato il suo impegno per lo stimolo economico, mantenendo gli sforzi a mantenere bassi i rendimenti obbligazionari.

Un approccio completamente diverso, quindi, dalla Federal Reserve statunitense e da altre banche centrali, che hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse, un cambiamento che sta colpendo i prezzi delle obbligazioni e spingendo in alto i rendimenti in tutto il mondo.

Nel dettaglio, la banca centrale giapponese si è offerta per la prima volta di acquistare un importo illimitato di titoli di Stato a 10 anni nei prossimi tre giorni, frenando i rendimenti in un svendita del debito globale ed erodendo l’attrattiva della valuta.

L’impegno del governatore della BOJ a continuare con gli stimoli ha spinto il differenziale tra i rendimenti dei benchmark statunitensi e giapponesi al livello più ampio dal 2019.

Il governatore Kuroda ha affermato la scorsa settimana che era necessaria un’inflazione stabile per innescare un cambiamento di politica presso la banca centrale, non la debolezza dello yen. Anzi, ha ripetuto che la valuta debole era ancora un fattore “generalmente positivo” per l’economia giapponese, con la caduta valutaria che ha fatto crescere le azioni degli esportatori nazionali.

Inoltre, c’è da evidenziare che l’esposizione del Giappone all’aumento dei prezzi del petrolio come importatore netto significa che lo yen ha anche perso parte del suo ruolo come asset rifugio e non è stato in grado di capitalizzare gli attacchi all’avversione al rischio dalla guerra in Ucraina.

Questo ha esacerbato la sua scarsa performance, in particolare nei confronti delle valute dei Paesi produttori di materie prime.

“Il recente miglioramento del sentimento di rischio degli investitori globali, i rendimenti più elevati al di fuori del Giappone e le continue pressioni al rialzo sui prezzi delle materie prime si stanno rivelando un potente mix per la debolezza dello yen nel breve termine”, ha affermato Lee Hardman, analista valutario di MUFG.

Infine, gli analisti valutari di Tokyo hanno affermato che i i trader chiedevano se il conseguente rapido calo dello yen potesse innescare un intervento di sostegno da parte del Ministero delle finanze per la prima volta dal 1998.

Zach Pandl, co-responsabile della strategia di cambio presso Goldman Sachs, ha affermato che “c’era una discreta probabilità di un intervento a sostegno dello yen se la vendita fosse continuata”.

Una mossa del genere segnerebbe un cambiamento per la BoJ, che ha una lunga storia di interventi per indebolire lo yen.

Il capo segretario di gabinetto giapponese Hirokazu Matsuno ha dichiarato in una conferenza stampa che “è auspicabile che i tassi di cambio si muovano stabilmente, riflettendo i fondamentali economici”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO