Wells Fargo: il mercato delle criptovalute presenta ancora ottimi margini di crescita

Gabriele Stentella

11 Febbraio 2022 - 18:30

La banca statunitense Wells Fargo sostiene che le criptovalute rappresentino ancora un investimento vantaggioso, al pari delle società tech negli anni ’90.

Wells Fargo: il mercato delle criptovalute presenta ancora ottimi margini di crescita

Secondo gli analisti della banca Usa Wells Fargo il mercato delle criptovalute non sarebbe ancora uscito dalla sua fase di maturazione, di conseguenza le quotazioni dei principali crypto asset, come Bitcoin o Ethereum, presenterebbero ancora ottimi margini di crescita nel lungo periodo.

Il parere dell’eminente istituto di credito arriva in un momento cruciale per il mercato delle crypto: Bitcoin ha iniziato una lenta risalita che lo sta riportando ai livelli d’inizio anno, forte del sostegno ricevuto da molte grandi società ed esponenti politici, sempre più propensi a spianare la strada all’adozione istituzionale delle valute digitali. Sarebbe proprio la rimozione dei blocchi normativi l’elemento in grado di traghettare la capitalizzazione dell’intero mercato verso nuovi massimi, sempre secondo fonti di Wells Fargo.

Criptovalute verso nuovi massimi, l’analisi di Wells Fargo

Nel suo report intitolato «Cryptocurrencies - Too early or too late?», il colosso bancario statunitense classifica le crypto come investimenti vantaggiosi, ed evidenzia le similitudini tra il processo d’adozione della tecnologia blockchain e quello che interessò internet negli anni ’90.

Come riferito da Wells Fargo, tra il 1996 e il 2000 il numero di utenti di internet crebbe di oltre il 400% a livello globale, e molte delle aziende tech che offrivano prodotti e servizi legati a quel settore emergente sono, al giorno d’oggi, tra le compagnie Usa con la più alta capitalizzazione di mercato: si parla di colossi del calibro di Google, Amazon, Microsoft e Apple.

“Se questa tendenza dovesse continuare, le criptovalute potrebbero presto uscire dalla fase di rapida adozione ed entrare in un punto d’inflessione di iper-adozione, come già osservato per altre tecnologie”.

Nel rapporto si legge inoltre che l’introduzione di regole chiare sul trading di criptovalute faciliterebbe la loro adozione da parte delle istituzioni finanziarie tradizionali. Per il momento, Wells Fargo consiglia a coloro che volessero prendere parte alla negoziazione delle crypto di puntare sul collocamento privato, piuttosto che prendere parte alla negoziazione sugli exchange.

È già troppo tardi per investire in criptovalute?

Alla luce dei recenti sviluppi sul fronte delle regolamentazioni, gli esperti della divisione di ricerca di Wells Fargo pensano che le valute digitali possano entrare in una fase d’iper-adozione in anticipo rispetto alle iniziali previsioni. Ciononostante, la banca statunitense ha raccomandato agli investitori di non farsi prendere dalla frenesia, e ha spiegato di non trovarsi d’accordo con quanti affermano che sia ormai troppo tardi per puntare sulle valute digitali.

“Comprendiamo le argomentazioni secondo le quali sarebbe troppo tardi per investire, ma non le condividiamo. Riteniamo che concentrarsi troppo sulle prestazioni passate, in particolare con le criptovalute, possa essere fuorviante per i nuovi investitori. In primo luogo, i dati relativi le performance sono distorti, dato che i prezzi della maggior parte delle criptovalute si sono evoluti praticamente da zero, e che nei primi anni le criptovalute sono state altamente speculative".

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.