Volvo ha registrato un calo nelle vendite globali a maggio 2020. Il gruppo automobilistico ha commercializzato in tutto 44.830 vetture il mese scorso, che corrispondono a una percentuale del 25,5% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Da gennaio a maggio, le vendite globali di Volvo Cars hanno raggiunto le 208.479 unità, attestandosi in calo del 25% sul 2019. Durante il 2019, invece, avevano raggiunto la cifra record di 705.452 (642.253) unità, registrando un incremento del 9,8% rispetto al 2018.

Se il totale delle vendite a livello internazionale per Volvo, corrisponde a un bilancio negativo, i segnali di ripresa non mancano, soprattutto in determinati mercati. È stata registrata una crescita delle vendite e dell’afflusso dei clienti presso le concessionarie in Europa, contestualmente a un trend positivo delle vendite in Cina e negli Stati Uniti.

Volvo Cars: vendite globali in calo ma con segnali positivi

Per Volvo, la ripresa più rapida e inattesa delle vendite, si è verificata negli Stati Uniti, a seguito di un costante allentamento delle restrizioni anti-COVID e dalle riaperture decise da sempre più stati federali.

A maggio scorso, le vendite in USA hanno registrato un calo del 2,5% rispetto a maggio 2019, attestandosi a 9.519 unità. Complessivamente, tra gennaio e maggio, le vendite negli Stati Uniti sono diminuite del 18,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi ad un totale di 32.870 vetture commercializzate.

Migliore la situazione delle vendite sul mercato Cinese, che viaggia su un trend positivo. Con 15.132 vetture commercializzate a maggio, Volvo ha registrato un aumento del 21,8% rispetto a maggio 2019. Tuttavia, i risultati complessivi dei primi cinque mesi dell’esercizio in corso riflettono le conseguenze del lockdown, le vendite in Cina da gennaio si sono ridotte del 7,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Per quanto riguarda le vendite in Europa, le limitazioni relative all’emergenza coronavirus hanno fatto sentire il proprio impatto, tuttavia con le riaperture sono emersi i primi segnali di ripresa. Con 14.965 unità vendute a maggio, Volvo Cars ha registrato un calo del 49,6% a maggio rispetto rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nei primi cinque mesi del 2020, il gruppo automobilistico ha registrato una diminuzione delle vendite anno su anno del 34,3%.

I modelli più venduti

La percentuale maggiore di vendite riguarda la gamma “Recharge” ossia tutte le automobili Volvo ricaricabili, con propulsore elettrico al 100% o ibrido plug-in. La commercializzazione delle vetture di questa categoria è raddoppiata nei primi cinque mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il SUV medio XC60 è risultato il modello più venduto a maggio, seguito dal SUV compatto XC40 e dal SUV di grandi dimensioni XC90. Nel corso del mese di maggio, i SUV hanno costituito il 68,5% delle vendite complessive dei modelli Volvo, registrando quindi un incremento rispetto al 61,0% registrato a maggio dello scorso anno.

Anche nei primi cinque mesi dell’esercizio, la XC60 è stata la vettura più venduta con un totale di 61.064 unità (2019: 80.314 unità), seguita dalla XC40 di cui sono stati consegnati 50.867 esemplari (2019: 50.278) e dalla XC90 con 29.324 consegne (2019: 38.648).